Diritto e Fisco | Articoli

Risarcimento per contratto a tempo illegittimo: superflua la prova del danno

25 Gennaio 2015
Risarcimento per contratto a tempo illegittimo: superflua la prova del danno

Pubblica amministrazione: indennizzo automatico per i contratti a tempo reiterati nei confronti dei precari.

Dopo la Corte di Giustizia Europea e il tribunale di Napoli, ora anche la Cassazione si schiera dalla parte del lavoratore precario iper sfruttato.

Con una sentenza pubblicata due giorni fa [1], la Suprema Corte ha spezzato una lancia in favore dei dipendenti con contratto a tempo determinato: se una pubblica amministrazione – affermano i giudici – abusa del contratto a termine, reiterandolo più volte e, quindi, condannando di fatto il lavoratore a una vita di precariato, quest’ultimo ha diritto al risarcimento del danno senza essere costretto a fornire, al giudice, una (altrimenti difficilissima) prova rigorosa sul danno che da ciò ha subito.

Insomma, il risarcimento è quasi “automatico” e non c’è la necessità di dimostrare, per esempio, le occasioni di lavoro perdute (la cosiddetta perdita patrimoniale e professionale), lo stress psicologico, ecc.

Già la Corte di Lussemburgo aveva parlato, qualche mese fa, di obbligo di “stabilizzazione” e trasformazione del contratto da tempo determinato in indeterminato.

La Cassazione, dunque, ribalta un orientamento passato che, in tema di lavoro a termine nel pubblico impiego, imponeva al dipendente una prova puntuale di tutti i danni subiti, anche quando fosse stata palese la violazione delle norme che limitano il ricorso al lavoro flessibile.

E ciò facendo leva su una sentenza di circa un anno fa della Corte di Giustizia Europea [2] secondo cui gli Stati membri non possono subordinare il risarcimento del danno del lavoratore a termine nel settore pubblico alla produzione di prove eccessivamente difficili.

Ciò detto, la Cassazione ricorda che il diritto al risarcimento del danno, per come inteso dalle norme della Comunità europea [3], va considerato come una sanzione per il datore di lavoro pubblico (la P.A.): pertanto al dipendente iper sfruttato con contratti a termine reiterati si chiede solo di dimostrare l’illegittima stipulazione del contratto, e non anche il danno effettivamente subìto.

Se, dunque, il risarcimento scatta in automatico, più difficile è la sua quantificazione. A tal fine andrà preso in considerazione il numero di contratti a tempo stipulati, il tempo intercorso tra la fine di un rapporto e l’altro, la durata di ciascun contratto e quella complessiva dell’impiego [4].


note

[1] Cass. sent. n. 1260/2015 del 23.01.2015.

[2] C. Giust. UE, sent. C-50/13 del 12.12.2013.

[3] Art. 36 T.U. pubblico impiego (Dlgs 165/2001).

[4] Nella sentenza si suggerisce anche di tenere conto dei criteri previsti dall’art. 8 della legge 604/1966 (che riconoscono da un minimo di 5 a un massimo di 12 mensilità, tenuto conto della dimensione dell’impresa, dell’anzianità di servizio e del comportamento delle parti).

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube