Diritto e Fisco | Articoli

Separazione: col tradimento onere della prova invertito

26 gennaio 2015


Separazione: col tradimento onere della prova invertito

> Diritto e Fisco Pubblicato il 26 gennaio 2015



La crisi si presume sempre causata dall’infedeltà, salvo prova contraria.

Cornuto ma non mazziato”: per chi è stato tradito c’è l’amara consolazione di trovare la strada spianata per ottenere, dal giudice, il cosiddetto addebito (ossia, la dichiarazione di responsabilità per il fallimento del matrimonio) a carico dell’ex coniuge. Infatti, quando viene dimostrata l’infedeltà, si presume sempre che essa sia stata l’effettiva causa della rottura del legame, salvo prova contraria fornita dalla controparte. Cerchiamo di comprendere meglio questo principio fissato da una recente sentenza del tribunale di Caltanissetta [1].

Perché l’infedeltà possa essere causa di responsabilità e, quindi, di “addebito”, è necessario che essa sia stata il motivo principale a determinare la crisi coniugale. Se, invece, questa era già in atto e il rapporto adulterino è solo l’effetto di un’unione già sgretolatasi in precedenza, al coniuge fedifrago non può essere recriminato nulla: nessuno può essere obbligato a restare fedele a una persona che non lo ama più. Questa la regola generale. Ma vediamo come questa regola si applica concretamente in una causa.

È la parte tradita che deve subito dimostrare l’infedeltà del coniuge. Fatto ciò, essa ha esaurito ogni onere a proprio carico poiché, solo per questo fatto, diventa automatica la condanna nei confronti del fedifrago. Infatti la legge presume già in partenza che l’infedeltà sia la causa della rottura, vista la gravità della condotta.

La palla, quindi, passa all’altra parte. Se vuole evitare la condanna deve, a sua volta, dimostrare l’anteriorità della crisi rispetto all’accertata infedeltà [2], ossia la preesistenza di una crisi già irrimediabilmente in atto, in un contesto caratterizzato da una convivenza meramente formale. In mancanza di questa prova resta a suo carico l’addebito.

note

[1] Trib. Caltanissetta sent. del 3.12.2014.

[2] Cass. sent. n. 16172/2014.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI