HOME Articoli

Lo sai che? Recesso locazione senza preavviso: canoni dovuti finché l’immobile è sfitto

Lo sai che? Pubblicato il 27 gennaio 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 27 gennaio 2015

Se l’inquilino recede dal contratto di locazione senza rispettare i mesi di preavviso deve comunque pagare i relativi canoni, a meno che l’appartamento sia stato nel frattempo fittato a terzi.

 

L’inquilino può recedere anche prima della scadenza del contratto di locazione secondo le modalità e i termini previsti dal contratto.

Il preavviso dei sei mesi è tuttavia obbligatorio e il mancato rispetto attribuisce al locatore il diritto di ricevere il pagamento dei canoni relativi alle mensilità di preavviso.

Si tratta di una regola prevista dalla legge a tutela del locatore e può essere derogata solo da quest’ultimo laddove stabilisca un termine diverso nel contratto di locazione o rinunci espressamente ai mesi di preavviso.

La regola non può essere superata neppure dalla sussistenza di un grave motivo che non ha permesso al conduttore di comunicare il recesso con il dovuto anticipo (per esempio perdita improvvisa del lavoro e conseguente impossibilità di pagare i canoni).

L’unica ipotesi in cui, in caso di mancato rispetto del termine di preavviso, il locatore non può pretendere i relativi canoni è quello in cui l’appartamento sia stato nel frattempo affittato a terzi.

Il preavviso ha infatti la funzione di evitare che il locatore, che ha contato su una determinata rendita derivante dalla locazione, debba all’improvviso perderla senza avere il tempo di organizzarsi in modo da affittare l’immobile ad altri soggetti.

Se tra la data di recesso dell’inquilino e la scadenza dei sei mesi di preavviso, l’immobile viene affittato ad un terzo, il locatore non può poi pretendere tutte le sei mensilità di canone dall’ex inquilino ma solo quelle in cui l’immobile è rimasto sfitto [1].

Prima di pagare tutte le mensilità di canone è bene dunque accertarsi che l’immobile sia rimasto senza inquilini per tutti i sei mesi del preavviso.

note

[1] Cass. sent. n. 5841/2004.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI