Diritto e Fisco | Articoli

Come si ripartiscono le spese condominiali se manca la tabella dei millesimi?

16 Febbraio 2012
Come si ripartiscono le spese condominiali se manca la tabella dei millesimi?

L’assenza dell’approvazione, da parte dell’assemblea, delle tabelle millesimali, non pregiudica la ripartizione delle spese condominiali ma essa deve essere proporzionale alla quota di proprietà di ciascun condomino.

La Cassazione [1] ha recentemente sottolineato come l’assemblea può ben approvare la ripartizione di una spesa anche in mancanza di appropriata tabella millesimale. L’importante, sottolineano i giudici, è che venga rispettata la proporzione tra la quota di spesa posta a carico di ciascun condomino e la quota di proprietà esclusiva di cui questi è titolare all’interno del condominio.

Il criterio per determinare le singole quote è dunque indipendente dalla formazione della tabella; esso deriva dal rapporto tra il valore della proprietà singola e quello dell’intero edificio.

Ciò però non vuol dire che il condomino dissenziente debba subire il riparto fatto dall’amministratore. Egli però, se vuole contestarlo, deve impugnare la delibera indicando in quali esatti termini sia stata violata la proporzione sopra indicata e quale pregiudizio concreto e attuale gliene derivi.

Ricordiamo che di recente la Cassazione [2] ha stabilito che le tabelle millesimali non devono essere approvate con il consenso unanime dei condomini, ma è sufficiente la maggioranza qualificata: cioè un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio.



note


[1] Cass. sent. n. 2237 del 16.02.2012.

[2] Cass. S.U. sent. n. 18477 del 9.08.2010.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. e quando ci sono qualè il criterio da utilizzare per le spese d’uso ordinarie e che l’amministratore non vuole rispettarle ..
    distinti saluti

  2. se le tabelle sono contrattuali e richiamate nell’atto notarile come modificarle?
    vorrei saperlo perche l’amministratore a modificato di sua iniziativa
    grazie e buona domenica..
    lombardi

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube