Business | Articoli

Canone Rai per le imprese: la guida al canone speciale

7 Aprile 2016
Canone Rai per le imprese: la guida al canone speciale

Ecco come pagare il canone nel caso in cui si sia titolari di imprese, esercizi pubblici, esercizi commerciali.

Il canone speciale RAI è destinato alle imprese, agli esercizi pubblici, agli uffici.

Per questi soggetti la normativa del canone in bolletta non è applicata, ragion per cui le regole restano pressochè immutate. Vediamo come funziona.

Per cosa si paga il canone speciale

Il canone speciale viene pagato per il possesso di televisori e apparecchi radio indipendentemente dall’uso, dunque anche qualora i televisori siano ad esempio usati per videoconferenze o slides di presentazione.

La regola è la medesima che per i privati. Se si tratta di apparecchi in grado di ricevere il segnale digitale o satellitare allora il canone è dovuto.

Il canone speciale, a differenza di quanto accade per i privati, è dovuto per ogni indirizzo dell’impresa in cui sono presenti i televisori o le radio, dunque se ad esempio si possiede una catena di ristoranti o differenti filiali della stessa impresa, allora il canone deve essere pagato per ciascuna di esse.

Quali enti sono esonerati dal canone speciale RAI?

Sono esonerate le seguenti tipologie di soggetti:

  • scuole
  • centri sociali diurni per anziani (ma non le case di riposo che invece devono pagarlo)
  • enti assistenziali
  • enti culturali pubblici no-profit

Ciascuna di queste tipologie ha una specifica procedura per la richiesta dell’esenzione.

Come si paga il canone speciale

Il canone speciale può essere pagato in vari modi. Ecco i principali:

  • Con domiciliazione bancaria precedentemente autorizzata, sulla base di moduli inviati dalla RAI stessa (con addebito solo in modalità di pagamento annuale)
  • Con bollettino di c/c 2105 inviato alla RAI Radio Televisione Italiana. Il modello può essere richiesto se necessario alla sede RAI competente per territorio (in questo caso la rata semestrale scade il 31 gennaio e il 31 luglio e quella trimestrale il 31 gennaio il 30 aprile, il 31 luglio e il 31 ottobre.

Anche se l’attività è stagionale il canone è dovuto per l’intero anno.

Nuove attività: abbonamento RAI

Le nuove attività devono sottoscrivere un abbonamento RAI. Il modulo può essere scaricato dal sito ufficiale. Dovranno essere indicate:

  • il tipo di utenza (radiofonica o televisiva),
  • la data di installazione,
  • la denominazione aziendale e tipologia (ufficio, negozio, e via dicendo).

Esistono inoltre delle specifiche per tipologia di attività:

  • Gli hotel devono inoltre indicare il numero di stelle,
  • gli esercizi pubblici la categoria della licenza,
  • le strutture ricettive (alberghi, villaggi vacanze eccetera), il numero di televisori e di camere.

 

Disdetta del canone speciale

La disdetta del canone speciale deve essere effettuata con raccomandata agli uffici RAI. Nel caso in cui cambi l’attività o subentri un nuovo proprietario il canone non può essere ceduto ma deve essere effettuata una voltura di contratto a favore del nuovo titolare.

Come recuperare l’IVA del canone speciale

L’IVA è compresa nel canone speciale, per cui per scaricarla sarà sufficiente il bollettino prestampato o il modulo di domiciliazione.

Inoltre è bene ricordare che il canone in alcuni casi è detraibile[1].

note

[1] DPR 917/1986


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA