Diritto e Fisco | Articoli

A Carnevale scherzare con oggetti pericolosi non vale!

17 Febbraio 2012
A Carnevale scherzare con oggetti pericolosi non vale!

I costumi, le maschere e i gadget di Carnevale destinati prevalentemente ai bambini sono assimilabili ai giocattoli e, pertanto, soggetti alla normativa europea sulla sicurezza dei giocattoli.

Il Ministero della Salute ha diffuso l’opuscolo “Il rischio mascherato[2] che analizza i rischi derivanti da sostanze chimiche, pericolose (cancerogene, mutagene o tossiche) e allergeniche presenti nei giocattoli.

I requisiti di sicurezza e i metodi di prova sui giocattoli destinati ai bambini fino ai 14 anni stabiliti in ambito europeo [1] sono stati adottati e pubblicati in Italia dall’UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione).

In particolare i pericoli maggiori che si possono presentare sono legati:

– all’infiammabilità delle maschere. È vietato, a tal fine, l’utilizzo di materiali fortemente infiammabili. Per scongiurare ciò, vengono eseguite prove di resistenza alla fiamma sugli oggetti rivestiti di pelo, capelli, nastri o fili a diretto contatto con la persona;

– al soffocamento. Per valutare tale rischio viene effettuato il test di trazione e presenza di piccole parti. Uno strumento (cosiddetto cilindro per le piccole parti) simula la trachea dei bambini per verificare che gli elementi staccabili abbiano dimensioni tali da non poter entrare all’interno dello stesso. La normativa europea [3] prevede inoltre che, negli abiti della fascia di età dai 0 ai 7 anni, siano banditi i laccetti e i cordoncini decorativi utilizzati per chiudere i cappucci, mentre nell’abbigliamento dei bimbi dai 7 ai 14 anni sono ammessi, purché di forma circolare e non sporgenti oltre l’abito;

-al rischio chimico per la presenza di ftalati [4].

Le maschere che coprono il volto in modo integrale devono:

– avere un’apertura di almeno 1 cm x 13 cm, oppure due fori di superficie equivalente distanti almeno 15 cm;

– essere realizzate in materiale impermeabile;

– essere prive di bordi taglienti, punte acuminate, parti libere;

– possedere tali caratteristiche anche dopo che la maschera sia stata sottoposta alle prove di torsione, trazione, resistenza alla caduta, resistenza all’urto, compressione.

Le numerose norme tecniche europee e nazionali non sono state però rispettate da molti articoli, tant’è che in continuazione ne vengono ritirati dal commercio in gran numero.

Nel 2010 in Germania sono stati sequestrati alcuni costumi da pirata, indiano e pagliaccio per rischio di strangolamento; nel 2011 in Spagna quello di cartomante in quanto infiammabile e in Slovenia quello di sovrano per rischio di soffocamento.

Anche in Italia sono stati segnalati alcuni casi. Nel 2008 sono state definite pericolose alcune bombolette schiuma spray di carnevale in quanto causa di quattordici incidenti con abrasioni corneali e cheratopatia puntata. Nel 2011 alcune bombolette di stelle filanti sono risultate infiammabili. Il manganello multicolore, contenente un fischietto staccabile, presentava rischio di soffocamento.

Poche settimane fa, inoltre, i NAS hanno richiamato dal commercio le penne a scoppio “Biro Bang” perché in grado di generare lesioni agli occhi o ad altre parti del corpo.


note

[1] Direttiva europea 2009/48/CE recepita in Italia dal D.Lgs. n. 54 dell’11/04/2011.

[2] Reperibile sul sito www.salute.gov.it.

[3] Decisione 2011/196/UE.

[4] Sostanze chimiche e tossiche prodotte dal petrolio.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube