Business | Articoli

Date del concorso scuola: tutti i dettagli

13 Aprile 2016
Date del concorso scuola: tutti i dettagli

Ecco le date definitive, tutti i dettagli della procedura concorsuale, cosa puoi portare e cosa è vietato.

Sono più di 150mila i candidati al concorsone della scuola per il 2016.

Il Ministero ha proprio ieri sera comunicato le date delle prove scritte, sono messe a concorso 63.712 cattedre.

Le prove inizieranno il 28 di aprile e termineranno il 31 maggio. 22 giornate di esami con sessioni mattutine e pomeridiane.

Le date del concorso scuola

Il concorso inizierà il 28 aprile e terminerà il 31 maggio, sono state pubblicate le date in gazzetta ufficiale.

Saranno 93 le prove di esame scritte e si prevede l’accorpamento di alcune classi.

Le date definitive del concorso scuola categoria per categoria sono disponibili nella nostra sezione in pratica in calce all’articolo.

In cosa consiste la prova del concorso scuola

La prova sarà svolta al computer e saranno previsti due turni, uno mattutino, uno pomeridiano.

Il turno mattutino inizierà alle ore 8, mentre per il pomeriggio l’identificazione sarà per le 14.

Al momento del riconoscimento il candidato dovrà indicare anche la lingua straniera scelta tra le 4 europee indicate all’interno del bando (Inglese, Francesce, Tedesco, Spagnolo).

La prova durerà 150 minuti.

Quali documenti portare per il concorso?

Per il concorso è necessario portare con sé il codice fiscale e il documento di riconoscimento, oltre alla ricevuta del versamento dei diritti di segreteria.

Se si partecipa a più classi di concorso, sarà necessario aver pagato una tassa per ogni classe di concorso.

Cosa è vietato portare al concorso

Al concorso non è permesso portare con sé cellulari, tablet, smartphone e qualsiasi altro dispositivo che permetta la trasmissione di dati.

Cosa è ammesso portare al concorso?

È ammesso l’uso del vocabolario monolingue per lo svolgimento della prova scritta in lingua straniera e per tutte le prove scritte svolte interamente in lingua straniera [1]. Il dizionario deve essere un dizionario non enciclopedico.

Le sedi del concorso

Le sedi del concorso dovranno essere stabilite dagli Uffici Scolastici Regionali, che le comunicheranno con almeno 15 giorni di anticipo  rispetto al giorno della prova.

Le procedure del concorso

Ecco la procedura prevista per la prova:

  • Avvio dei pc e accesso all’aula dei candidati, uno per volta
  • Firma sul registro cartaceo e presenza sul registro elettronica
  • Scelta di un codice di controllo (pari al triplo dei candidati previsti) e firma del modulo anagrafico
  • Consegna della busta crittografata e inserimento al suo interno dei due moduli consegnati
  • Il candidato si accomoda nel posto di riferimento
  • Si ripete la scelta per la lingua – scelta che sarà corrispondente a quanto dichiarato in fase di registrazione
  • Tutti i candidati sono in postazione e la prova può avere inizio
  • Al termine della prova il candidato non lascia la postazione per attendere lo sblocco

Il programma del concorso è stato stabilito dal ministero lo scorso febbraio [2].

Le prove, scritte o grafiche a seconda della classe di concorso, sono composte da 8 quesiti.

  • Per i posti comuni si prevede la trattazione delle tematiche disciplinari, culturali e professionali;
  • Per i posti di sostegno le metodologie didattiche da applicarsi alle diverse tipologie di disabilità, oltre a verificare la conoscenza delle procedure per l’inclusione scolastica.

Con riferimento alle domande previste, 6 quesiti sono a risposta aperta, mentre 2 sono a risposta chiusa per la conoscenza della lingua straniera.

Nel decreto che abbiamo citato [2] è riportata anche la tabella di equivalenza dei caratteri della tastiera per la lingua francese tedesca e spagnola.


01 | Scarica il calendario definitivo con le date del concorso scuola 2016.

note

[1] DM n. 95 del 23 febbraio 2016, art.5,c.3 lett. b;

[2] DM n. 95 del 23 febbraio 2016, allegato A.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube