Business | Articoli

Proroga dell’ecobonus: tutti i dettagli

13 Aprile 2016
Proroga dell’ecobonus: tutti i dettagli

Ci sarà ancora tempo per gli interventi di riqualificazione energetica: i condomini avranno spazio per deliberare gli interventi

Il Senato dà il via libera praticamente all’unanimità alle mozioni che impegnano il Governo a stabilizzare l’ecobonus del 65% per il triennio 2017-2019.

Le sei mozioni promosse da M5S e firmate anche da Sel, Pd, Fi, Lega, Cor e Autonomie sono state ricondotte in una proposta governativa avanzata da Enrico Morando, viceministro all’economia.

Come affermato da Morando nel corso della seduta “Il Governo – ha spiegato Morando – è d’accordo ad accettare l’impegno, a partire dal 2017, a stabilizzare quel complesso di misure che chiamiamo ecobonus per un triennio”.

L’ecobonus sino al 2019: parere positivo di Confedilizia

Non tardano ad arrivare le risposte positive delle parti sociali. Confedilizia fa sapere per mezzo del Presidente Giorgio Spaziani Testa che l’impegno assunto per la stabilizzazione delle detrazioni Irpef-Ires relativamente al triennio 2017-2019 “è di importanza fondamentale per gli immobili condominiali, per i quali la proroga di anno in anno dell’agevolazione non ha finora permesso, in molti casi, a causa dei tempi necessari per la deliberazione e realizzazione dei lavori, di sfruttare una misura di particolare efficacia“.

Un provvedimento, insomma, che allunga una mano anche alle nuove norme in materia di devoluzione dell’ecobonus a favore delle imprese – un provvedimento che come abbiamo visto nei nostri approfondimenti di questi giorni, aveva la ratio di permettere anche ai condòmini incapienti di usufruire dello sconto sulle prestazioni per il risparmio energetico, con l’obiettivo finale di sbloccare le delibere condominiali.

Se vuoi sapere tutto su gli interventi di riqualificazione detraibili e la devoluzione dell’ecobonus alle imprese, ti consigliamo i nostri approfondimenti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube