I nuovi importi di Aspi, mobilità e Cig (Cassa Integrazione Guadagni)

1 febbraio 2015


I nuovi importi di Aspi, mobilità e Cig (Cassa Integrazione Guadagni)

> Diritto e Fisco Pubblicato il 1 febbraio 2015



Ammortizzatori sociali: aggiornate le prestazioni sociali per il welfare.

Sono stati aggiornati gli importi massimi per gli ammortizzatori sociali da erogare ai lavoratori dipendenti per il 2015. Lo comunica l’Inps con una circolare di ieri, pubblicata sul proprio sito internet [1].

Si riporta dunque la misura, in vigore dal 1° gennaio 2015, degli importi massimi dei trattamenti di integrazione salariale, mobilità, trattamenti speciali di disoccupazione per l’edilizia, indennità di disoccupazione ASpI e Mini ASpI – al lordo ed al netto della riduzione prevista dall’art. 26 L. 41/86 e distinti in base alla retribuzione soglia di riferimento – nonché la misura dell’importo mensile dell’assegno per le attività socialmente utili.

Cig

A fronte di retribuzioni fino a 2.102,24 euro, l’importo della cassa integrazione (al netto della riduzione del 5,84%) è di 914,96 euro, mentre per le retribuzioni superiori è di 1.099,70 euro.

Gli importi sono indicati, rispettivamente, al lordo ed al netto della riduzione prevista dall’art. 26 della legge 28 febbraio 1986, n. 41, che attualmente è pari al 5,84%.

Detti importi massimi devono essere incrementati del 20% per i trattamenti di integrazione salariale concessi in favore delle imprese del settore edile e lapideo per intemperie stagionali, e ammontano quindi rispettivamente a 1.097,95 e 1.319,64 euro.

Mobilità

Per quanto riguarda la mobilità, invece, gli importi massimi mensili da applicare alla misura iniziale dell’indennità di mobilità spettante per i primi dodici mesi, in riferimento ai licenziamenti effettuati nel 2015. A fronte di una retribuzione fino a 2.102,24 euro, l’assegno lordo è pari a 971,71 euro (914,96 euro al netto della riduzione del 5,84 per cento); per le retribuzioni più elevate si sale a 1.167,91 euro lordi (1.099,70 euro netti). Questi importi sono validi anche per la disoccupazione dei lavoratori edili licenziati in base a quanto previsto dalla legge 223/1991, mentre per la cessazione cantiere prevista dalla legge 427/1975, l’importo lordo è di 635,34 euro.

ASpI e mini-ASpI

La retribuzione di riferimento per il calcolo dell’Aspi e della mini-Aspi è di 1.195,37 euro e le indennità non possono superare i 1.167,91 euro. L’assegno per le attività socialmente utili è di 580,14 euro mentre gli importi della disoccupazione agricola ordinaria con requisiti normali riferita al 2014 restano uguali a quelli dell’anno scorso.

Assegno per attività socialmente utili

L’importo mensile dell’assegno spettante ai lavoratori che svolgono attività socialmente utili è pari, dal 1° gennaio 2015, ad euro 580,14. Anche a tale prestazione non si applica la riduzione di cui all’art. 26 della legge n. 41/86.

note

[1] Inps, circolare n. 19 del 30.01.2015.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI