Business | Articoli

Social Lending, cos’è e come funziona

21 Aprile 2016 | Autore:
Social Lending, cos’è e come funziona

Prestito tra privati a tassi interessanti, scopri il social lending, un sistema di prestito intermediato da piattaforme online, rapido e sicuro.

Si chiama social lending, o anche peer-to-peer lending, ed è una formula di prestito tra privati, che approfitta delle piattaforme online per effettuare l’intermediazione tra chi domanda e chi offre.

Il fenomeno è in forte ascesa, viene confermato il trend da Smartika, una delle piattaforme dedicate a questo tipo di prestito “smart” che sottolinea come “negli ultimi due anni c’è stata una forte accelerazione, sia dal punto di vista di sviluppo del mercato, sia da quello regolamentare”.

Tra le altre realtà attive, ma non ancora in Italia, troviamo ad esempio Younited Credit, un marchio della società francese Prêt d’Union, che nel descrivere il fenomeno ha sottolineato al Sole 24 ore come il social lending sia un’attività vigilata in grado di offrire dei vantaggi agli investitori .

Questi difatti possono decidere di scegliere il prestito a privati, ottenendo rendimenti più interessanti di altre forme di investimento. Per altro verso anche chi deve chiedere un prestito attraverso queste piattaforme lo ottiene generalmente in tempi rapidi e con interessi più bassi.

 
Come funziona il Social Lending?

A seconda della piattaforma il sistema può esser differente, tuttavia generalmente per chiedere un prestito (rimborsabile in periodi che variano da piattaforma a piattaforma) ci si registra e si inviano i documenti richiesti, per poi attendere l’esito dell’istruttoria, che dura 24 ore. Se si ha una storia creditizia adeguata viene inserito nel marketplace.

A questo punto si deve attendere un’offerta: chi vuole prestare denaro si iscrive e procede a depositare il denaro sulla piattaforma e poi sceglie quali soggetti finanziare e con quali interessi. In questo modo l’investitore è in grado di costruire da sé un portafoglio di investimenti attraverso il quale può minimizzare i rischi. Ogni prestatore può decidere anche di coprire solo una parte di una richiesta di prestito.

In alcune piattaforme c’è però una gestione intermedia: il prestatore cioè non sceglie direttamente quali prestiti coprire, ma sceglie qual è il tasso di rischio che vuole assumersi e per quale cifra.

Una volta che l’intera cifra richiesta dal cliente è stata versata e il prestito richiesto è stato coperto al 100% il cliente può firmare il contratto ed ottenere i soldi.

Quali sono gli interessi con il social lending?

Il social lending ha tassi interessanti. Il Tan parte generalmente dal 4%, il Taeg dal 5% per prestiti di 12 mesi con rischio più basso.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube