Business | Articoli

Bonus Merito Docenti: chiarimenti del MIUR

22 Aprile 2016 | Autore:
Bonus Merito Docenti: chiarimenti del MIUR

Sul bonus docenti una circolare del MIUR per stabilire come dovrebbe essere gestito dal Preside e dal Comitato: un’interpretazione sibillina

Dopo mesi di ipotesi e interpretazioni rispetto al tema del bonus docenti, il “premio produttività” che sarebbe dovuto essere erogato ai docenti migliori per effetto della riforma “La Buona Scuola” [1], il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato una circolare [2] che intende chiarire alcuni aspetti relativi al cosiddetto “bonus di merito”.

La Buona Scuola [1] prevede che tali premi possano essere assegnati ai docenti che nel corso dell’anno si siano distinti per le loro capacità di insegnamento. A tal fine viene istituito dalla normativa nazionale un fondo ad hoc che deve essere ripartito tra i vari istituti del territorio italiano.

Sino ad oggi si era capito poco di come funzionasse questo conferimento in denaro per i docenti più meritevoli ed – evidentemente – sindacati e docenti avevano sollevato molti dubbi sul potenziale strapotere del Dirigente che potrebbe utilizzare questo metodo più che come leva per il miglioramento, come ricatto nei confronti della classe docente.

La circolare dello scorso 19 aprile [2] avrebbe come fine quello di rendere più chiaro questo aspetto. Come vedremo l’obbiettivo è stato raggiunto solo in parte.

Vediamo come funziona e i chiarimenti forniti.

Come funziona il Bonus di merito per i docenti?

Per stabilire quali docenti prenderanno il bonus di merito viene istituito un Comitato per la valutazione, che definisce i criteri in base ai quali attribuire il “premio”.

Il comitato sarà così costituito:

  • Il Dirigente Scolastico
  • Tre docenti
  • Due genitori
  • Un componente esterno

Le sedute del Comitato verranno ritenute valide solo nel caso in cui siano presenti la maggioranza dei componenti effettivamente nominati (si introduce cioè il cosiddetto “quorum strutturale”), mentre le deliberazioni dovranno essere adottate in base alla maggioranza assoluta dei voti espressi.

Si tenga presente che questo vuol dire che il comitato potrà essere costituito anche in presenza di 4 persone, ad esempio il preside e 3 docenti (da egli stesso nominati) e potrà prendere decisioni anche con 3 voti su 4 dei presenti.

Nella definizione dei criteri di valutazione, si dovrà tenere conto del contributo che ogni insegnante avrà dato per innovare la didattica e del modo in cui sia riuscito a potenziare le competenze degli studenti e a migliorare la comunità.

Bonus Docenti: ultima parola sempre al Dirigente

L’ultima parola resta sempre al Dirigente, perché una volta che il comitato ha deciso a chi assegnare i bonus, il DS a sua discrezione, potrà decidere se assegnare i soldi oppure no [3]. La ratio è che quest’ultimo, a sua volta, sarà soggetto a una valutazione sul modo in cui ha attribuito il premio, il che toglie ogni meccanismo di pesi e contrappesi che è stato inserito con la decisione da parte del Comitato, per scaricare di fatto tutta la responsabilità e (per altro verso) il potere decisionale sul DS.

Criteri di distribuzione del Bonus Docenti

Con un’interpretazione sibillina il MIUR specifica nella circolare citata [2] però che la misura non dovrà essere distribuita in “misura allargata” cioè attraverso un meccanismo di distribuzione “a pioggia”, ma neanche ad un “gruppo troppo esiguo” e che si deve puntare al coinvolgimento dell’intera classe docente in questo nuovo percorso, tenendo conto di tutti i docenti presenti in istituto, di ogni ordine e grado.

Il MIUR insomma dice e non dice, sottolineando al contempo come prossimamente si procederà a valutare le modalità di costituzione dei Comitati e la definizione dei criteri prescelti, costituendo da subito il Comitato Tecnico Scientifico previsto dalla Legge [4] per avviare il processo di monitoraggio che avrà a fine 2018 una sua tappa fondamentale di verifica.


note

[1] L. n.107 del 2015

[2] MIUR Circ. n. 0001804.19-04-2016

[3] L. 107/2015 art. 1, c. 127

[4] L. 107/2015 art. 1 c. 130


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube