Business | Articoli

Canone RAI, termini di prescrizione per il mancato pagamento

25 Aprile 2016
Canone RAI, termini di prescrizione per il mancato pagamento

La presunzione vige anche per gli anni precedenti? Come verranno utilizzati i dati? In quanto tempo si prescrivono i canoni non pagati?

Come è noto una volta che i termini di prescrizione vengono superati i debiti fiscali si considerano annullati. Questo principio ha valore ovviamente anche per il Canone RAI che è una tassa come le altre, come abbiamo avuto modo di specificare nei nostri numerosi aggiornamenti sul tema di questi ultimi giorni.

Secondo la normativa vigente, il canone RAI si considera prescritto dopo 10 anni a partire dalla fine di gennaio dell’anno in cui sarebbe dovuto essere corrisposto [1].

Rispondendo al question time in Commissione Finanze della Camera, il viceministro all’Economia Zanetti, ha sottolineato come l’Agenzia delle Entrate presupponga il possesso dell’apparecchio televisivo a partire dal 2016 e questa è la ragione per la quale è necessaria l’autocertificazione per ottenere l’esenzione.

Zanetti ha inoltre precisato che tale presunzione non potrà essere utilizzata per azioni di controllo che facciano riferimento a periodi precedenti la data dell’1 gennaio 2016. Restano naturalmente attive le azioni di recupero già intraprese sulla base della normativa previgente.

Canone RAI: chiarezza sull’evasione precedente

Da una parte dunque è vero quanto affermato dal sottosegretario Giacomelli che all’audizione in commissione specificava che il fatto che cambiasse la normativa da quest’anno non determinasse automaticamente una sanatoria per le evasioni degli anni precedenti “che senza alcuna opposizione risulteranno pienamente sanzionabili, alla stregua di un’autodenuncia o di ammissione del debito”.

Per altro verso Zanetti ha tranquillizzato i contribuenti rispetto a tali affermazioni, sottolineando che i dati acquisiti al 2016 non serviranno ad effettuare verifiche sui precedenti periodi di imposta.

Per concludere e riassumere:

  • da quest’anno saranno inesigibili i debiti fiscali (e i canoni RAI con questi) contratti nel 2005 e mai richiesti dall’Agenzia, perché saranno caduti in prescrizione; tutte le procedure di recupero e sanzione già attive invece restano in essere;
  • la presunzione del possesso del televisore stabilita con la nuova normativa del canone RAI in bolletta sarà valida a partire dal 2016;
  • per annullare tale presunzione è necessario inviare l’autocertificazione entro il 16 maggio prossimo.

note

[1] Cass. Sent. n. 18432/ 2005.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube