Business | Articoli

Sabatini Ter: la guida completa

22 Aprile 2016 | Autore:
Sabatini Ter: la guida completa

Nuova Sabatini (Sabatini Ter) dal 2 maggio le domande per finanziamenti a favore delle PMI che acquistano macchinari, impianti, beni strumentali.

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale [1], il decreto interministeriale 25 gennaio 2016 del Ministro dello Sviluppo Economico e del Ministro dell’Economia e delle Finanze, che aggiorna la disciplina della Nuova Sabatini, l’intervento agevolativo [2], che prevede l’accesso delle micro imprese e PMI a finanziamenti e a contributi in conto interessi per gli investimenti, anche mediante operazioni di leasing finanziario, in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché per gli investimenti in hardware, software ed in tecnologie digitali.

Le domande per accedere ai contributi per i beni strumentali possono essere presentate a partire dal 2 maggio prossimo.

La nuova disciplina è stata adottata al fine di migliorarne l’applicazione, prevedendo, in particolare, la riduzione dei tempi di concessione dei contributi e la semplificazione delle procedure e della documentazione per la loro erogazione.

Le nuove regole non apportano modifiche di rilievo per quanto riguarda l’ambito soggettivo di applicazione dell’intervento agevolativo. In particolare, possono presentare domanda di agevolazione le imprese classificate di dimensione micro, piccola e media che alla data di presentazione della domanda:

  • sono regolarmente costituite ed iscritte nel Registro delle imprese ovvero nel Registro delle imprese di pesca;
  • sono nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non sono in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali;
  • non rientrano tra i soggetti che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea; non si trovano in condizioni tali da risultare impresa in difficoltà così come individuata nella normativa UE [3].

Sabatini Ter: spese ammissibili

L’intervento agevolativo concede alle PMI contributi in conto interesse su finanziamenti concessi da banche/intermediario finanziario interamente utilizzati per l’acquisto, o l’acquisizione nel caso di operazioni di leasing finanziario, di macchinari, impianti, beni strumentali di impresa, attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo e hardware, nonché di software e tecnologie digitali, destinati a strutture produttive già esistenti o da impiantare, ovunque localizzate nel territorio nazionale.

Sono ammissibili gli investimenti in beni strumentali che presi singolarmente ovvero nel loro insieme presentano un’autonomia funzionale, non essendo ammesso il finanziamento di componenti o parti di macchinari che non soddisfano il suddetto requisito, fatti salvi gli investimenti in beni strumentali che integrano con nuovi moduli l’impianto o il macchinario preesistente, introducendo una nuova funzionalità nell’ambito del ciclo produttivo dell’impresa.

Non sono in ogni caso ammissibili gli investimenti riguardanti gli acquisti di beni che costituiscono mera sostituzione di beni esistenti.

Ai sensi del nuovo decreto del 25 gennaio 2016, gli investimenti devono essere conclusi entro 12 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento.

Le banche/intermediario finanziario possono scegliere se erogare il finanziamento sul plafond costituito presso la CDP oppure se utilizzare provvista autonoma [4].

Il finanziamento, deve avere le seguenti caratteristiche:

  • essere deliberato a copertura degli investimenti;
  • avere durata massima, comprensiva di un periodo di preammortamento o di prelocazione non superiore a 12 mesi, di 5 anni decorrenti dalla data di stipula del contratto di finanziamento ovvero, nel caso di leasing finanziario, decorrenti dalla data di consegna del bene;
  • essere deliberato per un valore non inferiore a 20mila euro e non superiore a 2 milioni di euro, anche se frazionato in più iniziative di acquisto, per ciascuna impresa beneficiaria;
  • essere erogato in un’unica soluzione, entro 30 giorni dalla stipula del contratto di finanziamento ovvero, nel caso di leasing finanziario, entro 30 giorni dalla data di consegna del bene;
  • in caso di leasing finanziario, l’impresa locataria deve esercitare anticipatamente, al momento della stipula del contratto, l’opzione di acquisto prevista dal contratto medesimo, i cui effetti decorrono dal termine della locazione finanziaria, fermo restando l’adempimento di tutte le obbligazioni contrattuali.

La nuova disciplina non modifica la data ultima per la concessione dei finanziamenti, che deve avvenire entro il 31 dicembre 2016.

Il contributo ministeriale nella forma di contributo in conto interessi è pari all’ammontare complessivo degli interessi calcolati in via convenzionale su un finanziamento al tasso d’interesse del 2,75%, della durata di 5 anni e d’importo equivalente al predetto finanziamento.

Sabatini Ter: cambia la procedura

Le nuove regole riscrivono la procedura per la concessione del contributo. Ciascuna banca /intermediario finanziario, verificata la regolarità formale e la completezza della documentazione presentata dall’impresa, nonché la sussistenza dei requisiti di natura soggettiva relativi alla dimensione di impresa, trasmette al Ministero dello Sviluppo Economico, una sola volta su base mensile, la richiesta di prenotazione delle risorse relative al contributo. Entro 5 giorni lavorativi dalla ricezione della richiesta, il Ministero provvede a comunicare alla banca/intermediario finanziario la disponibilità, parziale o totale, delle risorse erariali. Le richieste di prenotazione sono soddisfatte, secondo l’ordine di presentazione, fino a concorrenza della disponibilità delle risorse disponibili.

Se le risorse residue non consentano l’integrale accoglimento di una richiesta di prenotazione, la prenotazione stessa è disposta in misura parziale, fino a concorrenza delle residue disponibilità, ed è utilizzata, ai fini della concessione del contributo, in modo proporzionale al fabbisogno di ciascuna delle operazioni oggetto della richiesta di disponibilità cui la prenotazione parziale si riferisce.

Entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di ricezione della comunicazione di concessione del contributo, la banca/intermediario finanziario adotta la delibera di finanziamento ed entro 10 giorni da tale termine trasmette al Ministero l’elenco dei finanziamenti deliberati.

La banca/intermediario finanziario, nel deliberare il finanziamento, può ridurne l’importo e/o rideterminarne la durata e/o il profilo di rimborso indicati dall’impresa beneficiaria in sede di richiesta del finanziamento, in ragione del merito creditizio dell’impresa beneficiaria stessa.

Le dichiarazioni di ultimazione dell’investimento e della richiesta di erogazione devono essere firmate esclusivamente dal legale rappresentate dell’impresa. La richiesta di erogazione della prima quota di contributo dovrà essere presentata al Ministero entro il termine massimo di 120 giorni dalla data di ultimazione dell’investimento, successivamente al pagamento a saldo da parte dell’impresa beneficiaria dei beni oggetto dell’investimento, il mancato rispetto di tale termine determina la revoca dell’agevolazione.

Dr. Vincenzo Sorrentino

D.ssa Alba Rosa Porco

D.ssa Francesca Riso


note

[1] G.U. n 58 del 10 marzo 2016

[2]  D.L. 69/2013

[3]  Regolamento UE n. 651/2014

[4] In attuazione del D.L. n. 3/2015


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube