HOME Articoli

Lo sai che? Riparte il fondo prima casa per chi acquista o ristruttura l’immobile

Lo sai che? Pubblicato il 2 febbraio 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 2 febbraio 2015

Con la garanzia di 68 banche, tra cui Unicredit la Consap gestisce le garanzie richieste da privati e famiglie.

Se devi acquistare o ristrutturare la prima casa di proprietà, c’è ancora la possibilità di usufruire del cosiddetto Fondo prima casa, previsto dalla legge di stabilità per il 2014 [1]. Secondo l’ultimo elenco pubblicato, sarebbero 68 le banche disposte a concedere i relativi mutui.

Di cosa si tratta?

Si tratta di un fondo statale con il quale viene offerta una fideiussione alla banca che concede il mutuo per acquistare o ristrutturare l’abitazione principale o anche per migliorare il rendimento energetico di un immobile già esistente.

Esiste un importo massimo di mutuo sul quale opera la garanzia statale?

Sì: il mutuo non deve superare i 250 mila euro, metà dei quali vengono coperti dalla garanzia del fondo.

Il finanziamento può essere richiesto anche per realizzare interventi di ristrutturazione.

 

Chi può chiedere la fideiussione

Tanto le coppie sposate quanto le singole persone, senza limiti di reddito e di età [2].

La banca, ovviamente, concede i finanziamenti sulla base di un’autonoma valutazione del merito di credito dei singoli clienti. Esistono però delle priorità. Vengono favorite, innanzitutto, le giovani coppie, i nuclei familiari monogenitoriali con figli minori, i giovani di età inferiore a 35 anni con un rapporto di lavoro atipico e agli assegnatari delle case popolari.

Per tali soggetti con accesso prioritario al fondo, il tasso di interesse non può superare il tasso effettivo globale medio stabilito ogni trimestre dalla normativa sull’usura.

 

Come funziona il fondo?

Il fondo è gestito dalla Consap.

Il privato formula la richiesta alla banca cui richiede il mutuo. Il modulo è scaricabile dal sito della Consap, che costituisce una dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà. Con esso il richiedente attesta il possesso dei requisiti previsti per beneficiare dalla fideiussione.

La Consap, a questo punto, rilascia la garanzia su richiesta della banca che concede il mutuo. In questo modo per la banca è più facile recuperare (almeno in parte) il capitale dato in prestito: il che si dovrebbe tradurre in una maggiore facilità di erogazione dei mutui.

Quali sono le banche disposte a concedere il mutuo con la garanzia del fondo?

L’elenco è presente sui siti di Abi (Associazione bancaria italiana) e Consap. Per ora sono 68 (tra queste Unicredit), ma la lista è aperta ad altre adesioni.

Esistono dei limiti per l’accesso al fondo?

Il fondo garantisce solo l’acquisto e gli interventi sulla prima casa e non su altri immobili. Non può inoltre essere utilizzato per acquistare un’abitazione con caratteristiche di lusso oppure una villa, una villetta o un palazzo storico (in sostanza sono escluse le abitazioni con classificazione catastale A1, A8 e A9).

Il mutuo deve essere ipotecario e non può superare 250 mila euro.

La garanzia del fondo copre fino ad un massimo del 50% del capitale mutuato, cioè 125 mila euro.

note

[1] L. 147/2013.

[2] Decr. Ministero dell’Economia e finanze del 31.07.2014.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI