Business | Articoli

Come si recupera il Bonus Renzi per i datori di lavoro?

23 Aprile 2016
Come si recupera il Bonus Renzi per i datori di lavoro?

Hai pagato il bonus ma non sai come ti ritornerà indietro? Ecco le indicazioni per il recupero a credito.

Dal maggio 2015 [1] i dipendenti con un reddito tra 8mila e 26mila euro annue godono di un beneficio fiscale – il cosiddetto Bonus Renzi – che corrisponde ad una riduzione del costo del lavoro per 80 euro mensili, un totale di 960 euro annue.

Il costo viene anticipato in busta paga dal datore di lavoro che poi deve però poter recuperare questo tributo. Ecco come fare.

Qual è il codice tributo per il Bonus Renzi

Nella medesima circolare dell’Agenzia delle Entrate [2] con la quale si fornivano le indicazioni necessarie alle modalità di erogazione del bonus, veniva comunicato ai datori di lavoro e ai sostituti d’imposta il codice tributo che era stato creato appositamente per consentire loro di recuperare le somme erogate ai lavoratori dipendenti con il Bonus di 80 euro. Il codice è il 1655.

La dicitura esatta del codice 1655 è “Recupero da parte dei sostituti d’imposta delle somme erogate ai sensi dell’articolo 1 del decreto legge 24 aprile 2014, n. 66”.

Codice tributo 1655: come e quando si utilizza

Il codice tributo 1655 è dunque utilizzato dai sostituti d’imposta e dai datori di lavoro per recuperare il credito maturato per aver corrisposto in busta paga ai dipendenti l’importo derivante dal Bonus Renzi [1].

Il recupero interviene mediante “compensazione” cioè vengono detratte quelle somme dal debito che il datore di lavoro ha nei confronti del fisco. Alla compensazione non si applicano le regole sui limiti massimi compensabili [3]. Non opera nemmeno, in questo caso, il limite previsto per il divieto di compensazione dei crediti relativi alle imposte erariali per debiti iscritti a ruolo di ammontare maggiore di 1500 euro [4].

Come utilizzare il codice 1655

Il codice 1655 deve essere inserito nella sezione erario dell’F24, nella colonna “a credito”.

Ai campi “rateazione/regione/prov./mese rif” e “anno di riferimento” bisogna inserire i dati relativi a mese ed anno in cui è stato erogato il bonus. Si tenga presente che bisogna considerare in questo caso il mese in cui è stato pagato lo stipendio non al mese di competenza della retribuzione. Se la retribuzione di febbraio è stata pagata il 3 di marzo, allora la data sarà il 03/03/2016 e andrà inserita nella forma 0303 2016.


note

[1] DL 66 del 24/04/2014

[2] Agenzia delle Entrate Circ. 9/E del 2014

[3] D. Lgs. 241/1997

[4] D.Lgs. 241/1997, art. 17


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Buon di MI SCUSO IN ANTICIPO PER LA DOMANDA . HO RICHIESTO IL BO NUS RENZI DA 80 EURO PER L’ANNO 2016 AD OTTOBRE VISTO CHE DA INIZIO ANNO NON LO AVEVO FATTO ADESSO SE PER CORTESIA MI POTRESTE DIRE GLI ARRETRATI DA GENNAIO AD OTTOBRE CHI ME LI EROGA ? SONO UN DIPENDENTE ENTI PUBBLICO

  2. Buongiorno, dall’entrata in vigore del D L 66/14 non ho mai portato in compensazione il credito. Posso portare in compensazione tutte le somme corrisposte dal 2015? Grazie per la cortese risposta.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube