Diritto e Fisco | Articoli

Musicisti: arriva il credito d’imposta per finanziarsi

4 Febbraio 2015
Musicisti: arriva il credito d’imposta per finanziarsi

13,5 milioni di euro per le spese di sviluppo, produzione, post produzione e promozione sostenute tra il 1° gennaio 2014 e il 31 dicembre 2016.

Sei portato per la musica e non riesci a finanziarti? Sulla Gazzetta Ufficiale di ieri è stato pubblicato un decreto del ministero del Beni e delle attività culturali [1] che stanzia ben 13,5 milioni di euro per promuovere nuovi talenti musicali.

La misura appena approvata riconosce un credito d’imposta del valore del 30% per le spese di sviluppo, produzione, post produzione e promozione sostenute tra il 1° gennaio 2014 e il 31 dicembre 2016. Il credito potrà essere utilizzato solamente in compensazione con il modello F24. La somma su cui calcolare l’agevolazione non può superare i 100mila euro. Pertanto, il beneficio resta confinato entro il tetto di 30mila euro.

La misura, in verità, è indirizzata, in via diretta, alle imprese produttrici di fonogrammi e videogrammi musicali e a quelle produttrici e organizzatrici di spettacoli musicali dal vivo, anche se, a conti fatti, sono ormai molti gli artisti che, per autoprodursi, creano una propria azienda di produzione musicale. In ogni caso, l’agevolazione, che direttamente è rivolta all’impresa, finisce poi risolversi in un vantaggio per l’artista.

La somma destinata ad aiutare i giovani musicisti è pari a 4,5 milioni l’anno per tre anni, dal 2014 al 2016.

Le imprese interessate devono presentare la domanda al ministero del Beni e delle attività culturali secondo modalità telematiche che saranno definite dallo stesso ministero entro 90 giorni dall’entrata in vigore del decreto quindi entro i primi di maggio.


note

[1] Min. Beni e Attività Culturale decr. del 2.12.2014 in Gazz. Uff. n. 27/2015.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube