Praticanti avvocati: ecco il nuovo regolamento sul tirocinio

4 Febbraio 2015
Praticanti avvocati: ecco il nuovo regolamento sul tirocinio

 Almeno 20 ore a settimana in studio.

È pronta la bozza del decreto del Ministero della Giustizia che disciplina il tirocinio per i praticanti che vogliono intraprendere la professione di avvocato. Il nuovo testo, inviato negli scorsi giorni al CNF per il parere, prevede che il praticante debba:

– passare in studio almeno 20 ore settimanali,

– assistere ad almeno 20 udienze per semestre

– infine deve dimostrare di aver collaborato effettivamente allo studio delle controversie e alla redazione di atti e pareri.

Il D.M. prevede che il tirocinio vada svolto con assiduità, diligenza, riservatezza e nel rispetto delle norme di deontologia professionale. Il praticante deve quindi frequentare in modo continuo lo studio del professionista, sotto la supervisione diretta di quest’ultimo per almeno 20 ore settimanali.

È stato regolamentata anche la possibilità di svolgere un semestre di tirocinio in un altro paese dell’Unione Europea, che sarà poi riconosciuto ai fini della pratica anche nel nostro Paese.

Il Consiglio dell’ordine sarà tenuto ad accertare l’assenza di specifiche ragioni di conflitto di interesse e a verificare che l’attività lavorativa si svolga secondo modalità e orari idonei a consentire l’effettivo e puntuale svolgimento del tirocinio.

Sempre nei giorni scorsi il Ministero della Giustizia ha inviato al Cnf anche la bozza dello schema di decreto sul regolamento recante disposizioni per l’accertamento dell’esercizio della professione, dove si prevedono, tra l’altro, i requisiti per lo svolgimento in modo effettivo, continuativo, abituale e prevalente della professione forense (leggi l’articolo di oggi: “Avvocato solo se in modo effettivo, continuativo, abituale e prevalente“).


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube