Diritto e Fisco | Articoli

Immigrati: l’Italia condannata per violazione dei diritti umani

27 Febbraio 2012
Immigrati: l’Italia condannata per violazione dei diritti umani

Condannata l’Italia per trattamenti degradanti degli extracomunitari e violazione del divieto di espulsioni collettive.

Strasburgo: la Corte Europea dei diritti umani ha condannato l’Italia per trattamenti degradanti e tortura ai danni degli extracomunitari, violando altresì il divieto di espulsioni collettive.

Il caso è nato il 6 maggio 2009 a 35 miglia a sud da Lampedusa. Là, in acque internazionali, le autorità italiane hanno intercettato una nave con a bordo 200 somali ed eritrei e, contro la loro volontà, li hanno riaccompagnati a Tripoli, senza prima identificarli o accertarsi della loro effettiva destinazione.

Dei 200 migranti, 24 di loro sono stati rintracciati dal Consiglio Italiano per i Rifugiati (C.I.R.), che li ha invitati a presentare ricorso alla Commissione Europea dei diritti dell’uomo. Al termine della causa, i magistrati hanno accolto la richiesta dei rifugiati e hanno condannato l’Italia al risarcimento, in favore di ognuno di loro, della somma di 15.000 euro, più le spese.

La politica esterofoba costa cara al nostro Paese.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube