HOME Articoli

Lo sai che? Se la madre impedisce al figlio di vedere il papà

Lo sai che? Pubblicato il 8 febbraio 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 8 febbraio 2015

Separazione: affidamento superesclusivo in favore del padre se la madre tenta di escludere la figura paterna dalla crescita e sviluppo del bambino.

Le mamme che, nel conflitto con l’ex marito, mettono in prima fila i figli – soldati di una guerra che non è la loro – rischiano di perdere non solo la collocazione del minore, ma anche l’affidamento. Una recente sentenza del tribunale di Pavia [1], infatti, ha stabilito che il giudice può decidere di dare, in affidamento cosiddetto “superesclusivo” al padre, il minore se influenzato negativamente dalla madre, nel tentativo da parte di quest’ultima di alterare i suoi rapporti con l’altro genitore.

Le colpe dei padri non dovrebbero mai ricadere sui figli. Succede però non poche volte che l’equilibrio psichico della prole venga alterato proprio dalla conflittualità dei genitori anche successiva alla sentenza di separazione. E così, non poche volte, il coniuge collocatario dei figli finisce per influenzare negativamente questi ultimi, allo scopo di allontanarli dall’ex.

Ebbene, un comportamento del genere può essere sonoramente sanzionato dal tribunale. Infatti, la sentenza in commento precisa che, qualora la madre si riveli del tutto inadeguata all’esercizio della responsabilità genitoriale, influenzando in modo negativo il figlio, nel tentativo di escludere la figura paterna, con gravi ricadute per lo sviluppo del bambino, il tribunale può decidere il cosiddetto affido superesclusivo in favore del papà. Risultato: sarà quest’ultimo, allora, ad avere il potere (esclusivo) di assumere da solo ogni decisione inerente alla prole: dalle questioni inerenti alla residenza, all’istruzione, alla salute, ecc.

La prevalente collocazione abitativa del figlio presso il padre comporta la revoca dell’assegno posto a carico di quest’ultimo a titolo di concorso al mantenimento del figlio stesso, l’attribuzione (sempre al padre) degli assegni familiari e l’imposizione di un assegno di mantenimento, invece, a carico della madre.

Non solo, il giudice può consigliare anche l’avvio di un percorso di sostegno psicologico o psicoterapico per aiutare il minore a superare la grave situazione di conflittualità generata per colpa dell’altro genitore.

Ovviamente, per giungere a una soluzione così drastica, il giudice dovrà consigliarsi anche con il consulente tecnico d’ufficio (CTU) e i servizi sociali.

Insomma, ai fini della crescita sana ed equilibrata del minore, ai genitori conviene sempre contenere le conflittualità.

note

[1] Trib. Pavia sent. del 29.12.2014.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. buonasera volevo un informazione il mio compagno non vede sua figlia da quasi 50 giorni ,l’ex moglie dice che la bambina non ci vuole andare e che solo loro sanno il motivo.
    adesso il mio compagno con l’avvocato stanno contattando il tribunale dei minori per avere una perizia sulla figlia e su quelli che la circondano
    è possibile che le verrà tolta la figlia?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI