Agenti di calciatori addio: arriva la figura dell’intermediario

10 Febbraio 2015 | Autore:
Agenti di calciatori addio: arriva la figura dell’intermediario

La Fifa presenta il nuovo regolamento istituendo una nuova professione per giovani e meno giovani

I giornali ed i media in generale, ne hanno parlato molto poco ma, dal primo aprile 2015, “tutti” potranno “commercializzare e trattare calciatori”.

Stop avvocati “specializzati”

In buona sostanza, non esisterà più la professione di agente di calciatori: l’albo sarà abolito e “chiunque”, tramite l’inoltro di una semplice domanda di iscrizione alla FIGC, il pagamento di una piccola tassa, una reputazione impeccabile (autodichiarata), potrà trattare i cartellini di campioni di fama internazionale.

Adottando il nuovo regolamento, la FIFA intende liberalizzare l’accesso alla professione, inserendo la nuova figura dell’Intermediario.

Fino ad oggi, a parte mogli, genitori e fratelli del calciatore, solo avvocati ed agenti di calciatori, erano gli unici soggetti legittimati a trattare e a perfezionare i passaggi da un club ad un altro.

Trattasi di un’attività dinamica che piace ai giovani, che permette di calcare i palcoscenici sportivi nazionali ed internazionali di alto livello, che fa viaggiare, che è fatta di un intreccio di relazioni e che permette tante soddisfazioni economiche.

Il superamento dell’articolato e complesso esame non è più previsto e non serve nemmeno più la copertura assicurativa professionale.

Unica nuova limitazione che il nuovo regolamento prevede è quella riferita al corrispettivo massimo applicabile (3%), che l’intermediario potrà addebitare al calciatore o alla società, che assiste per la sottoscrizione di ogni contratto.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube