Anche le operazioni allo sportello comunicate dalla banca all’Agenzia delle Entrate

11 febbraio 2015


Anche le operazioni allo sportello comunicate dalla banca all’Agenzia delle Entrate

> Diritto e Fisco Pubblicato il 11 febbraio 2015



Operazioni e movimenti inviati all’anagrafe dei conti correnti anche se sotto le mille euro.

 

Entra nel vivo la seconda fase di attuazione dell’Anagrafe dei conti correnti: entro il 29 maggio prossimo le banche dovranno comunicare, all’Agenzia delle Entrate, tutte le consistenze e le movimentazioni sui conti correnti degli italiani avvenute tra il 2013 e il 2014.

Recuperate le informazioni sugli anni passati, si andrà a regime per gli anni seguenti secondo le seguenti scadenze. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate [1] con un provvedimento di ieri.

In particolare, al fine di supportare le indagini contro l’evasione fiscale, gli operatori finanziari (banche, poste, ecc.) saranno tenuti a inviare, in un’apposita sezione dell’Anagrafe tributaria detta “Archivio dei rapporti” (o, più volgarmente “Anagrafe dei conti correnti”),:

ogni mese, l’esistenza e la natura dei rapporti in essere con al clientela (per esempio: conti correnti, depositi, libretti, cassette di sicurezza, ecc.), indicando anche i dati dei titolari (nome, cognome, codice fiscale, ecc.):

ogni anno i dati relativi a tutte le operazioni “fuori conto” o allo sportello (per esempio: l’acquisto di valuta ), a prescindere dall’importo, effettuate da soggetti non titolari di un conto corrente o altro tipo di rapporto.

Dunque, le comunicazioni avverranno anche per cifre modeste, inferiori ai mille euro, limite che, invece, resta imposto dalla legge solo ai fini della tracciabilità dei pagamenti.

ogni anno tutti i dati relativi ai saldi iniziali e finali dei conti correnti, nonché tutte le movimentazioni in entrata (versamenti) e in uscita (prelievi). Rientrano nel calderone anche tutti gli accessi alle cassette di sicurezza e gli acquisti effettuati con carta di credito.

Tali informazioni verranno inviate tramite SID (Sistema di interscambio flussi dati), l’infrastruttura informatica che garantisce alti standard di sicurezza approvati dal Garante per la Protezione dei dati personali. Un sistema che consentirà il dialogo banche-fisco con aggiornamento in tempo reale.

I dati riferiti al 2011 e al 2012 sono stati già trasmessi, rispettivamente, il 31 ottobre 2013 e il 31 marzo 2014. Per i dati del 2013 e 2014, invece, come detto in apertura, la scadenza è fissata per il 29 maggio 2015.

A cosa serviranno i dati

Inizialmente le informazioni fornite dall’Anagrafe dei conti dovevano servire al fisco per formare le cosiddette liste selettive, ossia quelle dei soggetti a maggior rischio evasione fiscale. Invece, la legge di Stabilità 2015 [2] ne ha ampliato enormemente l’utilizzo, disponendo che tali dati serviranno al contrasto di qualsiasi forma di evasione, anche quella piccola, e dunque non solo nei confronti dei contribuenti con un maggior indice di anomalia (leggi “Fisco: i controlli in banca saranno su tutti i contribuenti e non solo sugli evasori”).

Inoltre le informazioni sulla giacenza media annua dei depositi e dei conti correnti bancari e postali verranno usate per controllare la veridicità della dichiarazione sostitutiva unica (Dsu), documentazione necessaria per ottenere e determinare l’ISEE.

note

[1] Ag. Entrate provv. del 10 febbraio 2015, n. 18269

[2] L. 190/2014, articolo 1, comma 314.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. dopo tre governi imposti dalla massoneria (non eletti) e l’incalzare dell’agenzia dell’entrate con la scusante dell’evasione, (che guarda caso non controlla i politici)
    è ormai evidente che siamo difronte ad uno stato di polizia un nuovo KGB.
    TUTTO GIUSTIFICATO DALL’EVASIONE FISCALE.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI