Diritto e Fisco | Articoli

Assenza dal lavoro: certificato medico solo generico

11 Febbraio 2015
Assenza dal lavoro: certificato medico solo generico

Dal Garante Privacy sul ricovero in ospedale attestazione senza l’indicazione della struttura o dello stato di salute.

Il datore di lavoro non deve poter indagare sulla malattia del proprio dipendente: deve fidarsi solo di quanto gli viene attestato nel certificato medico rilasciato dalla struttura pubblica.

Così, nelle certificazioni rilasciate ai pazienti (o ai loro accompagnatori), per attestare la presenza in ospedale e giustificare l’assenza dal lavoro, non devono risultare:

– né informazioni sullo stato di salute del paziente stesso

– né elementi della struttura ospedaliera presso la quale è stata erogata la prestazione, onde evitare che il datore di lavoro possa risalire al dettaglio dello stato di salute del dipendente.

Il principio è stato ribadito dal Garante della privacy [1] a seguito della segnalazione di un paziente che ha rilevato una violazione della privacy nella presenza di informazioni sulla sua salute.

La vicenda

Un paziente era stato ricoverato presso un policlinico e, all’atto delle dimissioni, il certificato indicava il reparto di ricovero e il timbro con la specializzazione del medico che lo aveva avuto in cura: dati, questi ultimi, dai quali era facilmente intuibile la patologia sofferta.

Solo attestazioni generiche

Il Garante raccomanda alle strutture ospedaliere di rilasciare attestazioni di carattere generico.

Già nel 2005, l’Authority aveva emesso un provvedimento generale con le prescrizioni per l’adozione di specifiche procedure per prevenire la conoscenza, da parte di estranei, dello stato di salute di un paziente attraverso la semplice correlazione tra la sua identità e l’indicazione della struttura o del reparto in cui è stato visitato o ricoverato.


note

[1] Garante Privacy, newsletter n. 398 del 9.02.2015.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube