Diritto e Fisco | Articoli

Bonus bebè: entro quando depositare la domanda

12 Febbraio 2015
Bonus bebè: entro quando depositare la domanda

Ho letto del nuovo bonus bebè: vorrei sapere entro quanto tempo, dalla nascita del bambino, va depositata la domanda all’Inps con la richiesta del beneficio.

Il nuovo bonus bebè va richiesto entro 90 giorni dalla nascita del bambino. In tal caso non si perde alcuna mensilità. Al contrario, se l’interessato inoltrerà la domanda dopo i 90 giorni, il bonus decorrerà da tale data.

La domanda va presentata all’Inps.

Come abbiamo già spiegato nella nostra guida pubblicata ieri (leggi “Operativo il bonus bebè”), il bonus ha una durata triennale e, quindi, se ne può beneficiare fino a tutto il 2018. Tuttavia, il richiedente può limitarsi a presentare la domanda solo il primo anno: per quelli successivi (ossia il secondo e il terzo anno) è sufficiente rinnovare l’Isee. Questo perché il bonus bebè viene riconosciuto solo a condizione che l’indicatore di ricchezza della famiglia (l’Isee appunto) non superi 25.000 euro. In tal caso il bonus spetta nella misura di euro 960,00 all’anno (per ogni figlio nato o adottato nel triennio 2015-2017).

Se invece l’Isee non supera 7mila euro, il bonus raddoppia e, dunque, la famiglia avrà diritto a ben 1920 euro annui (per ogni figlio nato o adottato nel triennio 2015-2017).

Dunque, il secondo e il terzo anno l’Inps si limiterà a verificare se l’Isee resta nei limiti del beneficio: in caso contrario sospenderà il bonus.

Perché il bonus diventi definitivamente operativo sarà necessario attendere ancora qualche settimana. Infatti il decreto (Dpcm) deve ancora essere inviato alla Corte dei conti e poi pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Dopo 15 giorni dalla pubblicazione entrerà in vigore e, allora, sarà necessario attendere la circolare dell’Inps che lo recepirà, fissando i criteri operativi per gli uffici.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube