Durc Inps con email: attento, è un malware!

15 Febbraio 2015
Durc Inps con email: attento, è un malware!

Virus: codice malevolo nell’allegato contenuto nell’email indirizzata al lavoratore dipendente.

Una truffa è doppiamente ignobile quando sfrutta l’ignoranza della gente e, soprattutto, lo stato di necessità di persone senza lavoro e in cerca di reddito.

Si stanno diffondendo, in questo periodo, una serie di email contenenti virus ai danni dei contribuenti, dei pensionati e dei lavoratori dipendenti con false informazioni relative a rimborsi fiscali, bonus e vincite di vario tipo.

L’ultima, solo in ordine di tempo, è quella del falso DURC comunicato dall’Inps attraverso una email con un allegato. In realtà, il file contenuto nel messaggio contiene solo un codice maligno (quello che, tecnicamente, si definisce “malware”): il virus si insidia nel computer della vittima e ne carpisce i dati, trasmettendoli al criminale informatico, a sua volta collegato a distanza: una delle tante facce del temuto phishing.

L’email “esca” apparentemente sembra inviata da un indirizzo riconducibile all’INPS (supporto@inps.gov.it): lo potrete riconoscere cliccando nello spazio dell’email che indica il mittente.

Nel messaggio si fa riferimento all’invio di certificazioni DURC, riportate in un allegato un file .ZIP contenente il file con l’infezione virale.

Così, proprio ieri, l’Inps ha informato tutti i cittadini che le comunicazioni relative alle certificazioni DURC vengono inviate esclusivamente tramite la casella PEC (Posta Elettronica Certificata) che risponde all’indirizzo @postacert.inps.gov.it e non certo supporto@inps.gov.it. Inoltre gli allegati che invia l’Istituto di previdenza sono tutti documenti in .PDF e non in formato .ZIP come invece le email fraudolente identificate.

È quindi di fondamentale importanza che nessuno apra l’allegato riportato in tali email. Diversamente, vi consigliamo di rivolgervi immediatamente a un tecnico che possa cancellare il virus.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube