Diritto e Fisco | Articoli

Il datore di lavoro può filmare il dipendente per scovare i furti

17 Febbraio 2015
Il datore di lavoro può filmare il dipendente per scovare i furti

Stop privacy e licenziamento se giustificata dalla tutela del patrimonio aziendale: non è necessaria l’autorizzazione di sindacati o ispettorato del lavoro.

Senza bisogno di alcuna autorizzazione da parte dei sindacati o dell’ispettorato del lavoro, il datore di lavoro è libero di installare, in azienda, le telecamere a circuito chiuso al fine di prevenire eventuali furti dei dipendenti e, nel caso, procedere al loro licenziamento. Non c’è codice della privacy che tenga.

A dirlo è un’interessante sentenza della Cassazione di poche ore fa [1].

È vero: lo Statuto dei lavoratori [2] vieta i controlli a distanza dei dipendenti attraverso riprese filmate o altre apparecchiature elettroniche, salvo che vi sia l’accordo coi sindacati o con l’ispettorato del lavoro. Ma tale limite vale solo quando l’attività ispettiva è rivolta a verificare il rendimento dei lavoratori (la norma parla di “finalità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori”). Al contrario, se sono in corso verifiche sulla condotta illecita del dipendente, sospettato di nuocere al patrimonio o all’immagine dell’azienda, l’occhio della telecamera non conosce limitazioni.

Insomma, il datore non può spiare i dipendenti al lavoro e controllare se questi adempiono in modo corretto o meno alle obbligazioni scaturenti dal contratto di lavoro: il rendimento non può essere oggetto di verifiche a distanza. Ma è libero di piazzare le telecamere per tutelare i beni dell’impresa dal pericolo di furti o danneggiamenti, ad opera di terzi o degli stessi lavoratori.

Non solo. Non avrebbe senso consentire le riprese video senza che poi le stesse possano valere come prova: per cui, i filmati ottenuti con le telecamere ben possono essere utilizzate nel processo dal datore di lavoro nella causa contro il dipendente. E potranno essere di supporto per confermare la legittimità del licenziamento per giusta causa.


note

[1] Cass. sent. n. 3122 del 17.02.15.

[2] Art. 4 Statuto dei lavoratori.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Sui furti ok, ma per danno all’immagine si deve spiegare cosa si intende, essendo facilissimo cadere nell’arbitrio e colpèire fatti che di illecito non hanno nulla.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube