HOME Articoli

News Ancora una nuova proroga degli sfratti

News Pubblicato il 18 febbraio 2015

Articolo di




> News Pubblicato il 18 febbraio 2015

Mille proroghe 2015: tra le novità il ritorno dei vecchi minimi e degli uffici periferici dei giudici di pace eliminati.

Arriva, con il consueto decreto “Mille proroghe”, la mini-proroga di 4 mesi per l’esecuzione degli sfratti per fine locazione.

Si tratta di un provvedimento cui, ormai, i padroni di casa sono tradizionalmente abituati. Nuclei bisognosi con anziani, portatori di handicap, malati terminali e reddito non superiore a 27mila euro non potranno essere mandati via di casa, dall’ufficiale giudiziario, per altri quattro mesi.

Evidentemente il nuovo fondo di “morosità incolpevole” che doveva servire proprio a questo – a consentire un sostegno per chi non può pagare l’affitto a causa di sopravvenute difficoltà economiche – e il fondo affitti non sono bastati a evitare l’ennesimo provvedimento a favore della categoria degli inquilini.

Secondo il ministro Lupi, l’approvazione della nuova proroga fa giustizia in doppio senso: da un lato non perpetua una automatica proroga degli sfratti, e dà il tempo ai casi effettivamente bisognosi perché venga attuato il passaggio da casa a casa.

Ricordiamo che la Corte Costituzionale, già nel 2004, aveva dichiarato incostituzionale l’istituto della proroga degli sfratti quando non sia transitoria e limitata a un periodo di tempo strettamente necessario a consentire all’inquilino il trasferimento. Esso, infatti, si riversa in una limitazione – contraria alla Costituzione – della proprietà privata. Dunque, la sospensione delle relative procedure di sfratto è legittima e può trovare giustificazione soltanto se incide sul diritto alla riconsegna dell’immobile “per un periodo transitorio ed essenzialmente limitato”.

note

 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI