Contributi per partite IVA: ecco quanto si pagherà

18 Febbraio 2015
Contributi per partite IVA: ecco quanto si pagherà

DL Milleproroghe: stop all’aumento dei contributi per collaboratori, free lance e precari; prorogati i vecchi minimi.

Non ci sarà, almeno per il momento, l’aumento dei contributi per le Partite IVA iscritte alla gestione separata dell’INPS.

Con un tour de force, ieri sera, le Commissioni Bilancio e Affari costituzionali di Montecitorio hanno approvato il testo del decreto legge Milleproroghe che contiene una rideterminazione degli importi.

– 27% per gli anni 2014 e 2015 (al posto, rispettivamente, del 28% e del 30% che, altrimenti, sarebbe scattato con il nuovo anno);

– 28% per l’anno 2016 (in luogo del 31%);

– 29% per il 2017 (in luogo del 32%).

Lo stop all’aumento dei contributi riguarderà, dunque, tutti i titolari di partita Iva, iscritti alla gestione separata Inps, che non risultino iscritti ad altre gestioni di previdenza obbligatoria, né pensionati.

Sul punto si è formata un’ampia maggioranza dopo la richiesta fatta a gran voce da tutte le associazioni di categoria.

Sul testo del decreto Milleproroghe il Governo porrà oggi la questione di fiducia per ottenere l’ok definitivo dalla Camera e lasciare poi al senato l’esame finale. Insomma entro il 1° marzo il testo dovrebbe essere ormai definitivamente approvato.

Nel testo del Milleproroghe è contenuta anche la proroga del vecchio regime dei minimi, per tutto il 2015. I titolari di partita IVA che guadagnano fino a 30mila euro potranno così scegliere, per tutto l’anno in corso, se optare per il nuovo regime introdotto con la legge di stabilità del 2015 (in questo caso pagando un’imposta forfettaria del 15%), oppure aderire alle vecchie regole con il limite fino a 5 anni o al raggiungimento del 35esimo anno di età (e poi, eventualmente passare ai nuovi minimi che non conoscono limiti di età).

Il contribuente sarà chiamato a una scelta da valutarsi a seconda della specifica convenienza, per la quale sarà opportuno consultare il proprio commercialista.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube