Diritto e Fisco | Articoli

Da febbraio Pagine Gialle unite alle Bianche

19 Febbraio 2015
Da febbraio Pagine Gialle unite alle Bianche

Il volume conterrà anche informazioni utili e curiose per chi vuol vivere il territorio.

Tanto tempo fa… l’arrivo del commesso che consegnava, porta a porta, l’ultimo aggiornamento annuale delle Pagine gialle (sostituite poi da quelle “Bianche”) era, per la famiglia, una piccola festa. C’era chi controllava se il proprio nome era stato riportato correttamente, chi verificava quello dei parenti e dei vicini di casa; chi comparava la dimensione del volume con quello dell’anno precedente per vedere, ad occhio, quanti abbonati in più c’erano stati negli ultimi 365 giorni; infine, chi memorizzava la foto in copertina e ne cercava la descrizione. Una specie di rituale che, via via, è andato scomparendo negli ultimi dieci/quindici anni, grazie al predominio di Internet e alla ricerca telematica dei numeri di telefono.

Oggi le Pagine Bianche contano circa 20 milioni di copie diffuse e 1,3 miliardi di volte vengono consultate dai cittadini.

Ma qualcosa sta per cambiare.

A partire da fine di questo mese, Pagine Bianche e Pagine Gialle non saranno più due volumi separati, ma uno unico, che verrà arricchito con informazioni utili e curiose per chi vuole “vivere” il territorio.

È quanto comunicato dalla sede centrale dell’azienda, Seat Pagine Gialle, che il prossimo 23 maggio compirà 90 anni di storia e onorata carriera. L’attività vale – grazie alle sue inserzioni pubblicitarie – circa 10 milioni di euro l’anno.

Le novità non finiscono qui. Visto che gli italiani dimostrano di prediligere ancora le ricerche cartacee a quelle sul web, il volume sarà più facilmente consultabile, la dimensione del carattere sarà più grande per agevolare la lettura, il formato del volume cambierà e sarà integrato anche con Tutto Città e con nuove pagine dedicate ai servizi, suddivisi per ambiti, e alle peculiarità (anche enogastronomiche) dei singoli territori.

Le prime copie del nuovo libro saranno distribuite a fine mese, a Bari. Poi, via via, arriveranno in tutto il Paese.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube