Business | Articoli

Destinare il 5xmille: ecco come fare

28 Aprile 2016
Destinare il 5xmille: ecco come fare

Come destinare il 5xmille, quanto costa e dove inserire il codice fiscale nella dichiarazione e nel CUD

Abbiamo detto in passato che sta per scadere la possibilità per le ONLUS e le associazioni di iscriversi alla banca dati dell’Agenzia delle Entrate degli enti che possono percepire il 5xmille.

Vi rimandiamo al nostro approfondimento 5XMille: al via le domande di iscrizione per sapere come fare per iscrivere la vostra associazione. Ciò di cui invece oggi riteniamo sia utile parlare è come si fa a scegliere di destinare il 5 x mille nella nostra dichiarazione dei redditi. Riportiamo in basso l’immagine della sezione del 730 nel quale viene riportata la possibilità di destinare il 5xmille.

come destinare il 5xmille

Il contribuente può destinare la quota del 5 per mille della sua imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), firmando in uno dei cinque appositi riquadri che figurano sui modelli di dichiarazione (Modello Unico PF, Modello 730).

La destinazione può essere effettuata attraverso un’apposita scheda allegata al CUD anche da parte di tutti coloro che sono dispensati dall’obbligo di presentare la dichiarazione.

Nei riquadri è riportato lo spazio relativo all’inserimento del codice fiscale dell’associazione cui si vuole destinare questo importo.

I codici fiscali dei soggetti ammessi al beneficio sono consultabili negli elenchi pubblicati.
Per destinare, invece, la quota del cinque per mille al comune di residenza è sufficiente apporre la firma nell’apposito riquadro dedicato.

Ma quanto costa fare questa donazione?

Quanto costa donare il 5xmille?

Donare il 5xmille non costa nulla. L’importo viene detratto direttamente dalla quota delle imposte dovute allo stato.

Inoltre è importante ricordare che la scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell’8 per mille [1] non sono in alcun modo alternative fra loro, possono dunque essere cumulate.


note

[1] L. 222/1985


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube