HOME Articoli

News Tutte le proroghe del decreto “Milleproroghe”

News Pubblicato il 21 febbraio 2015

Articolo di




> News Pubblicato il 21 febbraio 2015

Praticanti avvocato, pignoramenti Equitalia, regime dei minimi, sfratti, sindaci sceriffi, farmacie, giudici di pace.

La Camera approva” con queste parole si scioglie la seduta a Montecitorio dei parlamentari che, dietro il consueto “ricatto” della fiducia al Governo, hanno accolto il nuovo (ennesimo) decreto legge cosiddetto “Milleproroghe”.

Ecco il contenuto.

Sindaci riscossori

Fino a tutto il 2017, i Comuni che avranno collaborato con l’Agenzia delle Entrate nella lotta all’evasione fiscale potranno trattenere il 100% (e non il 55% come previsto dalla Legge di Stabilità 2015) dei maggiori proventi recuperati. La norma istituisce quello che è stato battezzato con il nome “Sindaco-sceriffo”.

Per maggiori approfondimenti leggi: “Nasce il sindaco sceriffo nella lotta all’evasione”.

Equitalia blocca le esecuzioni forzate

Si riaprono i termini per chiedere una nuova rateazione del debito ad Equitalia per chi era decaduto (prima dell’entrata in vigore del decreto del Fare) dalla precedente dilazione a causa del mancato pagamento di due rate consecutive. In forza di ciò, chi ha ricevuto l’esecuzione forzata (o anche solo la minaccia) da parte dell’Agente della riscossione, potrà bloccare la riscossione esattoriale accedendo a questo nuovo beneficio.

Per maggiori approfondimenti leggi: “Stop esecuzioni Equitalia per chi è decaduto dalla rateazione”.

Esame di avvocato più facile

È rimandata al 2017 la riforma dell’esame di abilitazione per la professione forense. I praticanti avvocati potranno, così, per altre due prove scritte (quella del 2015 e del 2016) portare i codici commentati. Viene infatti prorogata la disciplina transitoria prevista dalla legge di riforma forense.

Per maggiori approfondimenti leggi: “Esame avvocato: ancora 2 anni con i codici commentati”.

Giudici di pace: a volte ritornano

Tornano i giudici di pace nei piccoli centri: fino al 30 luglio i sindaci, anche le unioni di Comuni, potranno chiedere la riapertura degli uffici soppressi per effetto del riordino della geografia giudiziaria.

Minimi: due binari paralleli

Per tutto il 2015 i possessori di partita Iva con guadagni fino a 30 mila euro potranno optare il vecchio regime dei minimi, quello con l’imposta fissa al 5%. Questo regime viaggerà in parallelo – ma solo per quest’anno – con quello nuovo disegnato dalla legge di Stabilità 2015, con l’imposta forfettaria invece al 15%.

Per maggiori approfondimenti leggi: “Partite IVA e minimi: anche il 2015 per entrare nel vecchio regime”.

Proroga degli sfratti: tanto per cambiare

Si sbagliava chi credeva che, con la sentenza della Corte Costituzionale che ne ha dichiarato l’illegittimità, non avrebbe più sentito questa parola: proroga degli sfratti. Anche questa volta gli sfratti delle persone disagiate economicamente o con anziani o malati terminali potranno rimanere negli appartamenti in affitto fino al 30 giugno 2014.

Per maggiori approfondimenti leggi: “Ancora una proroga degli sfratti”.

Contratti di solidarietà

Risale al 70% per tutto il 2015 l’integrazione della retribuzione persa a causa della riduzione dell’orario di lavoro legata ai contratti di solidarietà.

Contributi per partite IVA: ancora bassi

Viene prorogata la riforma delle aliquote per chi versa i contributi alla gestione separata dell’INPS. Gli autonomi avranno ancora un anno prima di versare le maggiori imposte.

Per approfondimenti leggi “Contributi per partite IVA: ecco quanto si pagherà”.

Split paymeny

Per compensare split payment e reverse charge dell’Iva è prorogato fino a fine 2016 l’anticipo di una quota degli appalti alle imprese: la percentuale sale al 20% per attenuare i problemi di liquidità delle aziende.

 

Titolarità farmacie

Per due anni la titolarità delle farmacie si potrà ottenere con la sola iscrizione all’albo, salvo che per le 2.600 nuove sedi oggetto del concorso straordinario.

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI