Business | Articoli

Evasione: stop ai controlli di importo esiguo

29 Aprile 2016 | Autore:
Evasione: stop ai controlli di importo esiguo

Le Entrate cambiano approccio, minore attenzione alle formalità e occhi aperti  sulle truffe: i primi dettagli della circolare emessa poche ore fa.

Procedere con controlli più efficienti, che guardino meno ai piccoli evasori e più ai maggiorenti, sprecando meno energie in contestazioni formali o di ammontare esiguo. Una rivoluzione quella che l’Agenzia delle Entrate intende far partire con la sua ultima circolare, emessa oggi, poche ore fa [1] e rispetto alla quale nei prossimi giorni vi daremo ampia informazione.

La sostanza della comunicazione tuttavia è chiara sin da subito: abbassare la guardia con i piccoli contribuenti, essere più severi con i grandi evasori, privilegiando gli strumenti di cooperazione.

L’Agenzia dovrà difatti, nelle intenzioni del Direttore Orlandi, concentrarsi “su concrete e rilevanti situazioni di rischio“.

Basta dunque con la caccia agli errori ed ai recuperi di basso importo (per le quali sarà previsto un controllo di merito che valuterà caso per caso l’opportunità delle diverse azioni da intraprendere).

L’Agenzia tende la mano al contribuente

La linea presunta dovrebbe essere quella di mettersi letteralmente “nei panni dei cittadini“, dunque le presunzioni, quali gli studi di settore, dovranno essere applicate dagli uffici secondo “logiche di proporzionalità e ragionevolezza“, si spingerà dunque sulla cooperazione con il contribuente e sulle “dimostrazioni addotte per giustificare eventuali anomalie“.

Lotta dura all’evasione grave

Dovrà invece essere intensificata e implementata la lotta verso forme di evasione più gravi e verso le frodi, l’Agenzia intende difatti mettere in campo, oltre a “tecniche innovative che vanno nella direzione di un sempre più incisivo incrocio delle banche dati“, anche un’azione specifica contro coloro i quali progettano “per mestiere” o facilitano l’uso di quelli che l’agenzia chiama “sistemi evasivi complessi” e che dunque potrebbero far riferimento alle azioni di elusione (quali ad esempio le “scatole cinesi” o l’uso di bad companies).


note

[1] Agenzia delle Entrate, Circ. 16/E del 28/04/2016


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube