HOME Articoli

Lo sai che? Cos’è il dies a quo e il dies ad quem

Lo sai che? Pubblicato il 24 febbraio 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 24 febbraio 2015

Calcolo dei giorni: da quando parte il conto e quando scade il termine.

Quando si deve calcolare un termine è necessario fare molta attenzione ai giorni del calendario che devono essere considerati nel conteggio. Il problema, ovviamente, non si pone quando viene espressamente indicato il giorno preciso di scadenza (per esempio: “il bando scade il 27 febbraio”), ma si crea quando invece viene indicato il numero di giorni oltre il quale scatta la “scadenza” (per esempio: “il bando scade dopo 10 giorni dalla sua pubblicazione“). In quest’ultimo caso, è bene comprendere quali giorni, nel conteggi, vadano computati e quali no. A riguardo, si fa riferimento ai termini dies a quo e dies ad quem. Vediamoli nel dettaglio.

Dies a quo

Espressione latina che significa “il giorno dal quale”: viene usata per indicare il giorno a partire dal quale si computa un determinato termine. ll dies a quo di regola non viene contato per calcolare un determinato termine.

Ad esempio, il termine entro il quale si può appellare una sentenza è di 30 giorni dalla notifica della stessa presso il domicilio eletto dalla parte soccombente. Il giorno in cui la notifica è avvenuta non si conta e il termine inizia a decorrere dal giorno dopo: quindi, se la sentenza è stata notificata il 30 aprile, si inizia a computare dal giorno dopo (1″ maggio) e il termine scade il 30 maggio. Il 30 maggio è il dies ad quem (v. sotto)

Dies ad quem

Espressione latina che significa “il giorno al quale”: viene usata per indicare il giorno nel quale scade un determinato termine.

Come si calcola il decorso e la scadenza un termine

Di norma, il dies a quo non si calcola, mentre il dies ad quem si calcola. Per esempio: un termine che scade entro 10 giorni, se il conteggio deve partire dal 11 gennaio (dies a quo), si inizia a contare il giorno 12 gennaio (primo giorno), per proseguire al 13 gennaio (secondo giorno) e così via, fino al 21 gennaio (dies a quem) che si calcola. Dunque, i 10 giorni scadono il 21 gennaio.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI