Diritto e Fisco | Articoli

I venditori ambulanti causano danni? Paga il Comune

25 Febbraio 2015 | Autore:
I venditori ambulanti causano danni? Paga il Comune

Il Comune è responsabile per i danni provocati dall’attività svolta dai commercianti ambulanti.

Chi vive nei pressi di un mercato rionale avrà di sicuro sperimentato i disagi causati dal quotidiano esercizio di attività commerciali all’aperto. Tra schiamazzi, confusione e parcheggi selvaggi, spesso l’unica arma consigliabile è dotarsi di una buona dose di pazienza e tolleranza. Ma che fare nei casi più gravi? Come comportarsi e a chi rivolgersi per i danni causati dall’opera dei vari venditori?

Non sono rari i casi in cui, alla lunga, palazzi e appartamenti adiacenti a mercati rionali riportino danni procurati dal continuo lavorio degli ambulanti. Se rientri tra i malcapitati, sappi che hai diritto a chiedere il risarcimento danni direttamente al Comune. Quest’ultimo, infatti, è generalmente l’ente tenuto a mantenere in buono stato le strade e le zone destinate ad ospitare i rivenditori con i vari banchetti. Pertanto, se la loro presenza causa dei danni alle proprietà dei privati, ne risponde l’Ente comunale in qualità di custode delle zone adibite a mercato.

A tale conclusione è pervenuta una recente sentenza del Tribunale di Bari [1] che ha disposto l’accoglimento della richiesta di risarcimento del proprietario di un sottointerrato che per diverse volte era stato allegato a causa di infiltrazioni di acqua dovute al lavaggio quotidiano delle bancarelle di pesce da parte dei commercianti ambulanti, che vendevano i prodotti in prossimità dell’edificio. In soccorso del danneggiato è stato applicato il principio per cui ciascuno è responsabile dei danni cagionati dalle cose che ha in custodia [2]. In questo caso, le infiltrazioni sono derivate dalle cattive condizioni di manutenzione della sede stradale sottoposta alla cura e alla vigilanza del Comune e pertanto quest’ultimo è chiamato a risponderne delle conseguenze.

Infatti, anche se nei fatti sono stati i commercianti a gettare l’acqua sull’asfalto, nessun pregiudizio sarebbe stato arrecato se il Comune avesse prestato attenzione alle condizioni della strada, delle cunette e di tutto il sistema fognario. A tale regola generale conviene, dunque, porre affidamento ogniqualvolta si riesca a dimostrare che i danni subiti al proprio patrimonio o persona siano dipesi dalla cattiva gestione e cura dei beni pubblici.


note

[1] Trib. Bari, sez. III, sent. 3717/2014 del 21.07.2014

[2] Art. 2051 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube