Diritto e Fisco | Articoli

Autostrada: truffa al casello non pagare il pedaggio o indicare un’entrata più vicina

1 marzo 2015


Autostrada: truffa al casello non pagare il pedaggio o indicare un’entrata più vicina

> Diritto e Fisco Pubblicato il 1 marzo 2015



Tutti gli stratagemmi e le false dichiarazioni al casellante utilizzate dagli italiani.

I “furbetti” sono ovunque, anche sulle autostrade. E c’è chi, per esempio, per non pagare il casello, dopo aver ritirato il talloncino all’entrata, lo smagnetizza volutamente, per poi dichiarare, al casellante, che il proprio ingresso in autostrada è avvenuto a un casello più vicino. Il caso è tutt’altro isolato, visto che, sulla questione, è dovuta intervenire una sentenza del tribunale di Firenze. Ma procediamo con ordine, partendo dai termini del problema.

Non sottovalutate il casello dell’autostrada: non pagare il pedaggio, nonostante sia stata percorsa la tratta a pagamento, non costituisce solo un illecito civile (cui consegue, ovviamente, l’obbligo di versare le somme evase), ma anche un reato.

In passato [1], la Cassazione aveva ritenuto colpevole di insolvenza fraudolenta chi prima ritira il talloncino, ma poi non paga il relativo pedaggio e/o le ulteriori spese dovute a causa dell’inadempimento (leggi “Se l’automobilista non paga il pedaggio”). Il codice della strada [2], infatti, che punisce a titolo di illecito amministrativo chiunque ponga in essere qualsiasi atto al fine di eludere il pagamento del pedaggio autostradale lascia il passo al codice penale [3] tutte le volte in cui il conducente omette di pagare il pedaggio autostradale dichiarando ogni volta, all’addetto al casello di uscita, di avere smarrito il tagliando d’ingresso e di essere sprovvisto di denaro.

Inoltre, secondo il Tribunale di La Spezia [4] scatta il reato di truffa ai danni della Società Autostrade per l’Italia s.p.a. l’aver utilizzato regolarmente il telepass per l’ingresso in autostrada, schermandolo all’uscita, in modo da non pagare il pedaggio in uscita e da far apparire l’auto ancora all’interno dell’autostrada per poi riuscire al casello più vicino a quello d’ingresso.

Di recente, sulla stessa questione, è tornato il Tribunale di Firenze [5]. Secondo i giudici toscani commette una truffa il guidatore che, alla guida della propria auto, si presenta ripetutamente al casello autostradale in uscita con un biglietto smagnetizzato allo scopo, poi, di fornire false informazioni al casellante circa il proprio ingresso al casello.

Nel caso di specie, l’autotrasportatore, che aveva sistematicamente ripetuto lo stratagemma del biglietto smagnetizzato, era stato individuato dal gestore autostradale.

In un’altra occasione, la Cassazione [6] ha punito per truffa la condotta del conducente di autoveicolo che omette in plurime occasioni di pagare il pedaggio autostradale imboccando la corsia riservata agli utenti Telepass, ponendosi sulla scia del veicolo che lo precede e riuscendo ad oltrepassare il casello prima che la sbarra si abbassi.

Che fare se perdi davvero il biglietto del casello?

In generale la legge prevede che l’automobilista debba pagare l’intera tratta, ossia dal punto più lontano del casello (per approfondire il tema, leggi “Perdere il biglietto del casello autostradale e non pagare l’intera tratta”).

Esiste, però, una possibilità per non pagare l’importo più elevato ed è quella di rilasciare un’autodichiarazione, resta sotto responsabilità penale, in cui si dichiara la propria effettiva provenienza (scarica il modulo di certificazione del casello autostradale di ingresso).

note

[1] Cass. sent. n. 11745 dell’11.03.2014.

[2] Art. 176 co. 17 cod. str.

[3] Art. 641 cod. pen.

[4] Trib. La Spezia sent. del 15.04.2013.

[5] Trib. Firenze, sent. n. 2779/2014.

[6] Cass. sent. n. 444140 del 17.10.2012.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI