Diritto e Fisco | Articoli

Conto corrente cointestato: le ultime sentenze

2 Marzo 2015


Conto corrente cointestato: le ultime sentenze

> Diritto e Fisco Pubblicato il 2 Marzo 2015



A chi spettano le somme depositate in banca: la prova contraria e i creditori di uno dei due; il rapporto tra marito e moglie.

Nel conto corrente bancario intestato a più persone [1], debiti e crediti si dividono in quote uguali solo se non risulti diversamente; pertanto, se uno dei due riesce a provare che il saldo attivo discende dal versamento di somme di sua pertinenza, l’altro non può, nel rapporto interno, avanzare diritti sul saldo medesimo.

Il medesimo principio trova applicazione in caso di deposito bancario di titoli in amministrazione cointestata [2].

Nel conto corrente (bancario e di deposito titoli) intestato a due (o più) persone, in mancanza di prova contraria, le somme depositate si presumono metà dell’uno e metà dell’altro titolare. Pertanto ciascun cointestatario, anche ha la facoltà di compiere operazioni disgiuntamente, non può disporre in proprio favore, senza il consenso espresso o tacito dell’altro, della somma depositata in misura eccedente la quota parte di sua spettanza (ossia oltre il 50%). Ciò riguarda sia il saldo finale del conto, sia l’intero svolgimento del rapporto, ossia prima della chiusura del conto [3].

Nel caso di conto corrente bancario cointestato ai due coniugi, si ha una presunzione di contitolarità di esso e, quindi, delle relative somme. Tuttavia in caso di prelievo di denaro dal conto, tale presunzione può essere superata anche con semplici “presunzioni”, come la consapevolezza del coniuge che la ingente somma presente in banca sia pervenuta in successione all’altro coniuge, oppure il fatto che sul conto stesso venga puntualmente versato l’altrui stipendio.

Pertanto, ove il saldo attivo del conto cointestato risulti discendere dal versamento di somme di pertinenza di uno soltanto dei contitolari si deve escludere che l’altro possa avanzare diritti sul saldo medesimo. E, a maggior ragione, non possono accampare alcun diritto i creditori di quest’ultimo.

note

[1] I rapporti interni tra correntisti, anche aventi facoltà di compiere operazioni disgiuntamente, sono regolati non dall’art. 1854 cod. civ., riguardante i rapporti con la banca, bensì dal comma 2 dell’art. 1298 cod. civ.

[2] Trib Bari sent. n. 2152 del 2.05.2014.

[3] Cass. sent. n. 26991 del 2.12.2013.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI