HOME Articoli

Lo sai che? Extracomunitari: se violi il codice della strada niente permesso di soggiorno

Lo sai che? Pubblicato il 2 marzo 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 2 marzo 2015

Stranieri pericolosi alla guida, niente ingresso in Italia.

L’extracomunitario non può sgarrare quando guida l’automobile in Italia. Infatti, stando a una rigida interpretazione della legge, riportata da una recente sentenza del Tar Emilia Romagna [1], è legittimo il rifiuto del permesso di soggiorno da parte della Questura se lo straniero viene ritenuto socialmente pericoloso a causa di alcune condotte di guida suscettibili “di mettere in serio pericolo la sicurezza nella circolazione stradale”, determinando “alti rischi di pericoli, anche gravi, di incidentalità stradale”.

Il problema, però, a ben vedere è tutt’altro che interpretativo, ma sta in una esigenza di tutelare gli altri utenti della strada in caso di infortuni. Infatti, un soggetto “a rischio” difficilmente troverebbe, da parte delle compagnie di assicurazione, adeguate coperture in caso di incidenti stradali, specie se causati da persone prive della patente o in stato di ebbrezza.

Dunque, secondo la sentenza in commento, si può rifiutare il titolo di soggiorno a fronte di condotte oggettivamente gravi e potenzialmente pericolose per la collettività. Il diniego, da parte dell’Amministrazione, nei confronti dell’extracomunitario, difatti, non costituisce, neppure in via sintomatica, un distorto esercizio del potere pubblico.

Nel caso di specie – è bene sottolinearlo – i precedenti contestati allo straniero erano stati ben quattro.

note

[1] Tar Emila Romagna sent. n. 42 del 12.02.2015.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI