Addio posta certificata

4 Marzo 2015
Addio posta certificata

La casella @postacertificata.gov.it sta per essere disattivata.

La casella email @postacertificat.gov.it sta per scomparire definitivamente.

Il servizio, anche detto “Postacertificat@ Cec-Pac”, era nato nel 2010 per le comunicazioni tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni. Ora però l’intenzione è quella di far convergere tutta la posta certificata elettronica sul sistema cosiddetto Pec (posta elettronica certificata).

Ricordiamo che la funzione della posta elettronica certificata è quella di garantire la certezza (prova legale) della spedizione, della ricezione e della data in cui avviene la consegna del messaggio: insomma, né più, né meno di una raccomandata a.r., con la differenza che la P.e.c. è gratuita e attivabile direttamente dal proprio computer, dietro abbonamento con un gestore (poche decine di euro all’anno). Risultato: carta che si risparmia, tempi enormemente ridotti, nessuna rinuncia alle garanzie di legge per l’invio di corrispondenza che debba avere valore legale.

Infatti, la spedizione e la consegna di ogni messaggio vengono certificati dal proprio gestore che invia due email al mittente: con una attesta la presa in consegna della spedizione e con l’altra attesta la consegna del messaggio, specificandone la data e l’ora.

A differenza della tradizionale posta elettronica, alla Pec è infatti riconosciuto anche pieno valore legale. Il che significa che le ricevute possono essere usate come prove dell’invio e della ricezione del messaggio inviato.

Una storia a parte, in questo, ce l’ha la postacertificat@ Cec-Pac. Ma procediamo con ordine.

UN FALLIMENTO ANNUNCIATO

 

Nelle intenzioni originarie, il servizio Cec-Pac si avrebbe dovuto garantire un immediato rapporto tra cittadini e pubblica amministrazione.

Brunetta la definì come “la più grande rivoluzione culturale mai prodotta in questo Paese” e “la migliore riforma italiana dal dopoguerra a oggi”.

Spinti dall’entusiasmo iniziale, ben 2,1 milioni di cittadini chiesero la Cec-Pac. Per attivare concretamente

la casella di posta elettronica, però, era necessario recarsi di persona in un ufficio postale: questo adempimento ha scoraggiato i richiedenti, per cui le adesioni concrete sono state la metà (1 milione di italiani). Ma non è finita qui. Di quanti hanno ricevuto la Cec-Pac solo il 12% l’ha utilizzata (circa 200 mila persone): un risultato davvero modesto.

A ciò si aggiunga l’enorme prezzo pagato dallo Stato per la creazione del sistema.

Ecco perché ora la vecchia casella “@postacertificata.gov.it” sta per essere progressivamente disattivata. Da settembre scomparirà definitivamente. La sua cessazione farà recuperare alle casse pubbliche 19 milioni di euro. Peraltro il sistema Pec è diventato di uso comune a tutti i cittadini, non solo a imprese e professionisti. Esso è valido non solo per le comunicazioni tra amministrazioni e cittadini, ma anche tra gli stessi cittadini. E dunque, si presenza come un servizio di portata più ampia e flessibile.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. Mai usata, in compenso sono stata costretta a fare la PEC (con Aruba gratis primo anno e a pagamento i successivi, dismessa per sottoscrizione con Postecert a pagamento): si può inviare e non c’è verso di ricevere. Credo vada tutto in spam!!!!!!!!!!!

  2. Nn ho capito niente .so che mi e arrivato un. messaggio ma nn riesco ad accedere come faccio ?

  3. La PEC cosi’ come e’ fatta adesso e; un obbrobrio tecnologico, una invenziona insulsa tutta italiana NON compatibile con nulla, che ci ha resi ridicoli di fronte al mondo… e adirittura stata “deprecata” dell’organismo deglistandard internazionali (IETF).

    Si spera che pria o dopo riusciremo a chiuderla TUTTA…. se un servizio lo si deve rendere “obbligatorio” per legge perche’ qualcuno lo usi, significa che non serve a nulla e non fuziona ma serve solo a far entrare denaro nelle casse di qualcuno.

  4. Martedì 23 febbraio 2016, si parlerà della PEC a RADIO UNO RAI, nel programma “La radio ne parla” alle ore 10:30. La PEC esiste solo in Italaia e in Tanzania e non è “intrefacciata” con gli altri stati mondiali. Siamo sempre i primi per le cose “strane”, che gli altri non hanno, ma ultimi per il resto. Buon ascolto e chiediamo spiegazioni a Brunetta per questa “strana storia”, Italiana.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube