Diritto e Fisco | Articoli

Punito il legale che non rilascia la ricevuta sull’acconto incassato

29 Febbraio 2012 | Autore:
Punito il legale che non rilascia la ricevuta sull’acconto incassato

L’avvocato non rilascia la ricevuta sull’acconto versato dal cliente: responsabilità civile e non fiscale, con conseguente sanzione disciplinare.

Rischia una sanzione disciplinare l’avvocato che, ricevuta dal proprio cliente una somma a titolo di acconto sull’onorario, non gli rilascia una regolare ricevuta.

Lo ha stabilito di recente la Corte di Cassazione [1], che così ha confermato la sanzione inflitta ad un legale dal Consiglio dell’Ordine di Trani [2].

La Cassazione ha giudicato il comportamento dell’avvocato contrario ai doveri di lealtà e correttezza, impostigli dall’etica professionale, ritenendo equa la sanzione minima [3] inflitta dall’Ordine.

Non si tratta, dunque, di una “condanna” per non aver emesso la fattura, nel qual caso, invece, ricorrono le norme di natura fiscale, norme che, peraltro, consentono al professionista la possibilità di sanare l’irregolarità, entro determinati limiti.

Al contrario, il caso di specie ha riguardato la violazione di un obbligo civilistico, ossia la lesione del rapporto di fiducia tra professionista e cliente, un obbligo che certo, una volta violato, non può essere “sanato”. Infatti, fermo restando l’obbligo di emissione di un documento fiscale (che comunque poteva avvenire anche in un momento successivo), il professionista doveva, già all’atto della consegna del denaro, rilasciare una qualsiasi dichiarazione scritta che quietanzasse il pagamento ricevuto

In ogni caso, i giudici hanno riconosciuto al professionista, quale parziale “attenuante”, il fatto di non aver mai subito un procedimento disciplinare nel corso della sua carriera.

 

 


note

[1] Cass., sent. n. 2703 del 23 febbraio 2012.

[2] Nel caso di specie, l’Ordine di Trani ha punito l’avvocato con la sanzione dell’avvertimento,  consistente in un richiamo e in un’esortazione a non commettere nuovamente il fatto.

[3] In ordine crescente di gravità, le sanzioni disciplinari irrogabili all’avvocato dall’Ordine di appartenenza sono cinque: avvertimento, censura, sospensione temporanea dall’esercizio della professione, cancellazione dall’albo, radiazione dall’albo.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. il mio avvocato si e preso 4.500 euro non si e presentato alla causa mi condannano e a pagare tutte le spese il mio nuovo avvocato lo chiama e lui nega che gli ho dato soldi cosa posso fare

  2. lo vai ha trovare in ufficio e risolvi con maniere belle il problema visto ke dice il falso

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube