Business | Articoli

Sciopero mense scolastiche: a scuola col panino

4 Maggio 2016
Sciopero mense scolastiche: a scuola col panino

Scatta lo sciopero per i lavoratori delle mense scolastiche, ecco quando è previsto lo sciopero nazionale che preannuncia disservizi e come evitare di pagare comunque il pasto.

Le associazioni di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil e Uiltrasporti, che hanno indetto lo sciopero nazionale lamentano la mancanza del rinnovo del contratto di categoria e ritengono che solo con un’azione esemplare si possa risollevare il tema agli occhi dell’opinione pubblica. Ma la mensa scolastica se pure non costituisce un “diritto” è di fatto un servizio di fondamentale importanza, per la mancanza del quale molte famiglie si troveranno in difficoltà.

Quando è lo sciopero mense scolastiche?

Lo sciopero mense scolastiche è previsto per il prossimo venerdì 6 maggio e probabilmente un’ulteriore data è prevista per il 28 maggio. Ecco come ovviare al problema.

Come si pranza a scuola in occasione dello sciopero mense scolastiche? 

Come accennato il prossimo 6 maggio e il prossimo 28 (ancora da confermare quest’ultima data) si prevede l’assenza del servizio di refezione scolastica e di conseguenza la non somministrazione del pasto. Tuttavia sarà comunque possibile consumare un pasto a scuola presso i locali del refettorio. Il pasto naturalmente dovrà essere fornito dalla famiglia, e si consiglia sia costituito da prodotti non facilmente deperibili e possibilmente privi di salse.

Sciopero mense scolastiche: si paga un servizio non reso?

In occasione dell’annuncio dello sciopero, le ditte hanno sottolineato che provvederanno ad aggiornare i sistemi di rilevazione presenze, al fine di non ordinare e di conseguenza non addebitare il pasto alle famiglie. Tuttavia se le comunicazioni sono fatte solitamente in maniera elettronica, consigliamo, una volta verificata l’adesione allo sciopero da parte dell’ente gestore della mensa della scuola dei vostri figli, di effettuare la comunicazione di non adesione al pasto se è stato annunciato il disservizio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube