HOME Articoli

Le Guide L’assegno sociale

Le Guide Pubblicato il 10 marzo 2015

Articolo di




> Le Guide Pubblicato il 10 marzo 2015

Limiti, requisiti e condizioni: la prestazione ha sostituito, dal 96, la pensione sociale per i residenti con almeno 65 anni e 3 mesi.

 

 

1 | COS’È L’ASSEGNO SOCIALE?

È la prestazione che, a partire dal 1° gennaio 1996 ha sostituito la pensione sociale, mantenendone le caratteristiche fondamentali. Non è reversibile e non è fiscalmente imponibile.

2 | QUALI SONO I REQUISITI PER USUFRUIRNE?

L’assegno sociale petta in presenza dei seguenti requisiti:

– età pari a 65 anni e 3 mesi (requisito per il triennio 2013-2015) sia per gli uomini, sia per le donne;

– cittadinanza italiana o comunitaria, o titolarità di permesso di soggiorno C.E. per soggiornanti di lungo periodo per i cittadini extracomunitari (cosiddetta carta di soggiorno);

– residenza effettiva in Italia;

– soggiorno legale e continuativo sul territorio italiano di durata non inferiore a 10 anni (requisito introdotto per gli assegni con decorrenza dall’1.1.2009);

– redditi inferiori al limite stabilito.

3 | QUALI SONO GLI IMPORTI E LIMITI DI REDDITO?

 

L’importo annuo spettante dell’assegno sociale è pari alla differenza fra il limite di reddito e i redditi posseduti.

L’importo mensile si ottiene dividendo l’importo annuale per 13.

Il limite di reddito:

– per i pensionati non coniugati è pari all’importo dello stesso assegno;

– per i pensionati coniugati è pari al doppio dell’importo dell’assegno sociale.

ln caso di titolare coniugato si procede esclusivamente alla verifica del limite di reddito coniugale.

Al richiedente non coniugato l’assegno quindi spetta in misura intera solo qualora non possieda nessun reddito (e, nel caso in cui sia sposato, solo qualora la somma del suo reddito e quello del coniuge non superi l’importo annuo dell’assegno sociale); nei suddetti casi l’importo è pari, per il 2015, a 448,52 euro (cifra che comprende gli aumenti previsti dalle Finanziarie 1999 e 2000).

Limiti di reddito personale (pari all’importo annuo dell’assegno)

€ 5.830,76

Limiti di reddito coniugale (pari al doppio dell’importo annuo dell’assegno)

€ 11.661,52

4 | REDDITI RILEVANTI AI FINI DELL’ASSEGNO SOCIALE

– Redditi assoggettabili all’Irpef al netto dell’imposta dovuta (redditi di terreni e fabbricati; d’impresa e di lavoro autonomo; da lavoro dipendente o assimilati e da pensioni anche se conseguiti all’estero; l’assegno di mantenimento corrisposto dal coniuge separato o divorziato);

– Redditi esenti da imposta (rendita Inail anche se liquidata in capitale, pensioni di guerra, assegni e pensioni agli invalidi civili, ai ciechi e ai sordomuti; sussidi e prestazioni assistenziali in denaro erogati dallo Stato o da altri enti pubblici; prestazioni aventi natura risarcitoria erogate dallo Stato italiano o da Stati stranieri);

Limiti di reddito personale (pari all’importo annuo dell’assegno)

Pensioni privilegiate tabellari per infermità contratte durante il servizio di leva;

 

– Redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta (vincite da giochi di abilità, dalla sorte, da concorsi a premi, da pronostici e scommesse corrisposte dallo Stato, da persone giuridiche pubbliche o private);

 

– Redditi soggetti a imposta sostitutiva (interessi derivanti da depositi bancari o postali, CCT, BOT e di ogni altro titolo di Stato; interessi, premi e altri frutti delle obbligazioni e titoli similari emessi da banche e società per azioni, ecc.);

Assegni alimentari corrisposti a norma del codice civile;

– Eventuale assegno sociale di cui sia titolare il coniuge.

5 | REDDITI NON RILEVANTI AI FINI DELL’ASSEGNO SOCIALE

– Tfr e relative anticipazioni;

– competenze arretrate soggette a tassazione separata;

– trattamenti di famiglia;

– indennità di accompagnamento di ogni tipo;

– indennità di comunicazione per i sordomuti;

– il reddito della casa di abitazione;

– l’importo aggiuntivo;

– la somma aggiuntiva (“quattordicesima”);

– aiuti economici offerti dai familiari;

– pensioni liquidate secondo il sistema contributivo;

– nella misura di 1/3 della pensione stessa e comunque non oltre 1/3 dell’assegno sociale.

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI