Diritto e Fisco | Articoli

Mutuo con interessi usurari: rinvio a giudizio del direttore di banca

10 Marzo 2015
Mutuo con interessi usurari: rinvio a giudizio del direttore di banca

Scatta la querela per il funzionario di filiale che ha applicato il tasso di interessi oltre il limite dell’usura.

Spesso, quando si parla di interessi usurari, si evoca l’immagine di una causa civile – a volte strumentale, a volte meno – necessaria a contrastare la pretesa di pagamento, avanzata dalla propria banca, per il mancato pagamento delle rate del mutuo, ed ottenere così dal giudice il ricalcolo del debito o, quantomeno, degli interessi.

Ma l’usura non è solo questo. È anzi, e soprattutto, un reato [1], per il quale può derivare un procedimento penale. E allora, quando l’illecito è conclamato – e non sia un semplice espediente per “tirarla alle lunghe” con il pagamento – perché limitarsi a chiedere, al giudice civile, l’annullamento degli interessi? Chi, avendo sottoscritto un mutuo, subisce l’applicazione di interessi moratori oltre il tasso soglia dell’usura può agire penalmente contro il direttore di filiale. Almeno stando a quanto disposto dal GIP del Tribunale di Arezzo [2] che ha appena disposto il rinvio a giudizio del funzionario di un noto istituto bancario a causa dell’applicazione, ad un contratto di mutuo, di interessi di mora di natura usuraria.

Nel caso di specie, la misura degli interessi, applicata per il periodo dal 1.01.2004 al 31.05.2005, ammontava al 8,645%, ossia un tasso superiore alla soglia prevista per legge.

Ora per il direttore di banca si profila l’ostacolo dell’udienza preliminare in camera di consiglio.

In casi del genere – si legge nel provvedimento in commento – possono essere applicate anche le aggravanti per aver commesso il fatto nell’esercizio di attività professionali bancarie, oltreché in danno di chi svolge attività imprenditoriale.


note

[1] Art. 644 cod. pen.

[2] P.P. 7713/2014 R.G.N.R. del 28.11.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube