HOME Articoli

Lo sai che? La casa si vende con o senza posto auto?

Lo sai che? Pubblicato il 11 marzo 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 11 marzo 2015

Il diritto all’uso del posto auto riservato ai condomini va ceduto insieme all’immobile.

Vietato disfarsi dell’abitazione senza, nello stesso tempo, cedere al nuovo proprietario anche il posto auto riservato ai condomini. Almeno per tutti gli atti anteriori al 1985. Lo ha chiarito la Cassazione in una sentenza di questi giorni [1].

Il diritto all’uso del posto auto, infatti, camminava di pari passo con l’appartamento condominiale, pena la nullità del contratto di compravendita nella parte in cui non prevede la possibilità di fruire del parcheggio. Il che, detto in termini pratici, significa che l’acquirente poteva utilizzare ugualmente il posto per la propria vettura anche se il contratto non lo prevede o lo vieta.

Tutte le costruzioni successive al 1° settembre 1967 devono essere dotate di parcheggi: secondo la Cassazione, la norma all’epoca in vigore [2] va interpretata nel senso che essa pone un vincolo di destinazione obbligatorio tra spazi destinati a parcheggio e cubatura totale dell’edificio, e determina perciò il sorgere di un diritto reale d’uso sugli spazi predetti a favore di tutti i condomini.

Questo significa che debbono essere riservati appositi spazi per parcheggi in misura non inferiore ad 1 metro quadrato per ogni 10 metri cubi di costruzione.

Solo a partire dal 1985, gli spazi per parcheggi così realizzati non sono più gravati da vincoli pertinenziali di sorta né da diritti d’uso a favore dei proprietari di altre unità immobiliari e sono trasferibili autonomamente da esse. Prima di tale data, invece, vigeva il divieto di vendita separata, non potendo infatti essere alterato il rapporto (previsto dalla legge del 1942) tra superficie di parcheggio e metri cubi di costruzione, in danno del diritto degli acquirenti dell’appartamento a fruire del posto auto.

note

[1] Cass. sent. n. 4733 del 10.03.2015.

[2] Art. 41-sexies L. n. 1150/1942, 1° co., per come modificato dall’art. 2 della legge 122 del 1989.

[3] Art. 26 della legge n. 47 del 1985. Cfr. anche art. 41-sexiex, 2° co. inserito dall’art. 12 comma 9 della legge n. 246/2005.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. HO ACQUISTATO NEL 2007 L’APPARTAMENTO DOVE ORA VIVO CON LA MIA FAMIGLIA,PERò AL MOMENTO DELLA TRATTATIVA MI Fù DETTO CHE IL GARAGE,PRIORITARIAMENTE ASSEGNABILE AL SOTTOSCRITTO,ERA STATO VENDUTO ANTICIPATAMENTE AD UN CONDOMINO DEL PALAZZO ACCANTO PRIMA DEL MIO ACQUISTO DELL’IMMOBILE!!COME DEVO FARE (e se sono ancora in tempo)PER RIVENDICARE UN GARAGE CHE DOVEVA ESSERE ASSEGNATO A ME E NON PRIMA DEL CONTRATTO AD UN’ALTRO CONDOMINO??

  2. PROBLEMATICA MOLTO DIFFUSA IN PARTICOLARE ANTE 1985, COSTRUTTORI CHE MANTENEVANO LO SPAZIO ADIBITO A PARCHEGGIO CREANDO DELLE AUTORIMESSE A PAGAMENTO PER GLI STESSI ACQUIRENTI.
    NON COMPRENDO PERCHE’ COME RIFERIMENTO , SI RITIENE LA DATA DI LICENZA EDILIZIA OTTENUTA DAL COSTRUTTORE (LEGGE PONTE) INVECE DELLA DATA EFFETTIVA DI VENDITA E CONSEGNA IMMOBILE,’ LA PRIMA PUO’ ESSERE ES. 1966 LA SECONDA NEGLI ANNI A SEGUIRE. E QUINDI SCATTAVA L’OBBLIGO DI DARE IL POSTO AUTO. LA CORTE DI CASSAZIONE MOLTO PROBABILMENTE NON E’ STATA MAI CHIAMATA A CORREGGERE RISOLVERE QUESTO ENORME SBAGLIO.
    INVITO GRATUITO ALLA REDAZIONE: TENTIAMO?????

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI