Diritto e Fisco | Articoli

L’auto lasciata nel parcheggio deve avere l’assicurazione

12 Mar 2015


L’auto lasciata nel parcheggio deve avere l’assicurazione

> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 Mar 2015



Polizza rc auto: anche se abbandonato, il mezzo sul luogo pubblico va sempre assicurato.

 

A torto si pensa che l’assicurazione auto sia legata alla “circolazione” intesa come movimento fisico del mezzo su strada. Non è così. Quando il codice della strada [1] parla di “obbligo di copertura assicurativa” si riferisce anche ai mezzi lasciati (o anche abbandonati) sul suolo pubblico. O anche alle aree ad uso pubblico destinate alla circolazione dei pedoni o degli animali.

Stesso discorso per i parcheggi privati che consentono l’accesso a un numero indeterminato di persone, senza autorizzazione: si pensi agli spazi antistanti i supermercati. In tal caso, si tratta di aree equiparate alle strade di uso pubblico. Di conseguenza, i veicoli che circolano all’interno di tali aree, anche se delineate da sbarre metalliche, sono soggetti, oltre che al rispetto delle norme del codice della strada, anche all’obbligo della copertura rc-auto.

Così è legittima la multa effettuata dal vigile urbano che, vendendo un’auto su un parcheggio pubblico o ai margini della strada, la trovi sprovvista di tagliando assicurativo o senza l’rc auto rinnovata.

In tali casi, scatterà la sanzione amministrativa pecuniaria (da 798 a 3.194 euro) oltre al sequestro. Una multa che potrebbe essere, quindi, superiore allo stesso rinnovo dell’rc auto.

Lo stesso dicasi nel caso in cui il mezzo sia stato ereditato. E anche se l’eredità è avvenuta con beneficio di inventario. Difatti, in tali casi, l’erede risponde dei beni entrati nel proprio patrimonio e dovrà curarsi di custodire il mezzo del defunto all’interno di un garage o di un’area privata; diversamente, dovrà rinnovare la polizza auto (leggi l’approfondimento “Auto in eredità: il beneficio di inventario non salva dalle sanzioni”).

Anche l’esistenza di un fermo auto, notificato da Equitalia, impone al proprietario del mezzo di non lasciarlo abbandonato su strada sprovvisto di copertura assicurativa, ma di custodirlo in luogo privato come potrebbe, per esempio, essere il parcheggio del condominio. Il fatto di non poter guidare il mezzo sottoposto alle ganasce fiscali non implica che lo si debba abbandonare, tantopiù se privo di copertura assicurativa.

Quanto ai mezzi privi di targa, volante o sedile per la guida è vero che, in passato, la Cassazione ha detto che non devono essere necessariamente assicurati, tuttavia per essi è necessaria la rottamazione. Peraltro, lasciare un mezzo in tali condizioni sul suolo pubblico espone al pericolo di un reato ben più grave che è quello dell’abbandono di rifiuti speciali e pericolosi o l’occupazione illegale di suolo pubblico.

Perché l’auto lasciata su una strada pubblica deve essere assicurata?

Semplice: qualora essa abbia cagionato un incidente stradale (magari per come parcheggiata), l’assicurazione sarà tenuta al risarcimento della vittima. Dunque, operando l’obbligo di indennizzo a carico del proprietario, scatterà anche quello di assicurazione obbligatoria per danni a terzi.

note

[1] Art. 193 cod. str.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI