Diritto e Fisco | Articoli

Auto rubata e danneggiata: niente risarcimento dall’Assicurazione

18 Marzo 2015
Auto rubata e danneggiata: niente risarcimento dall’Assicurazione

Veicolo prima scomparso e poi rinvenuto a poca distanza dal luogo del furto privo di numerose parti e gravemente danneggiato: non c’è copertura.

Se la tua polizza assicurativa auto ti copre solo in caso di furto e non di atti vandalici, potresti avere serie difficoltà a richiedere l’indennizzo nel caso in cui il mezzo, prima prelevato da un malintenzionato, venga poi abbandonato dallo stesso a poca distanza dal luogo ove era parcheggiato. E questo perché la polizza “furto” copre solo in caso di danni collegabili alla circolazione successiva al furto stesso e non, invece, per il danneggiamento.

Ad abbracciare questa linea è la Cassazione con una sentenza di ieri [1].

La Corte, infatti, ritiene prevalente l’ipotesi del danneggiamento – non prevista nel contratto –, e non sussistente, invece, quella della sottrazione del veicolo.

Una cosa è il danno provocato dal furto (e collegato alla stessa circolazione successiva alla sottrazione del mezzo) e un’altra quello dagli atti vandalici, per i quali è necessario una copertura assicurativa apposita, in assenza della quale la prima non può supplire.

Bisogna tenere ben chiara la distinzione tra danni procurati da atti vandalici e quelli, invece, dalla circolazione conseguente al furto. La polizza stipulata solo per questo evento, infatti, non copre anche il primo.

Insomma, il cliente dell’assicurazione deve riuscire a dimostrare che il danno procurato al mezzo sia dipeso dal furto e dalla conseguente circolazione del mezzo (per esempio, un tamponamento, una fiancata strisciata contro il guard rail, ecc.) e non da un atteggiamento volutamente distruttivo del colpevole (per esempio: dei colpi di ascia contro la carrozzeria, i chiari segni di una pietra scagliata contro le portiere o i vetri, ecc.).


note

[1] Cass. sent. n. 5192/2015 del 17.03.2015.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube