HOME Articoli

Lo sai che? No indennità di accompagnamento a chi zoppica soltanto

Lo sai che? Pubblicato il 22 marzo 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 22 marzo 2015

L’indennità di accompagnamento spetta ai mutilati ed invalidi civili totalmente inabili, che si trovino nell’impossibilità di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore o che, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, abbiano necessità di una assistenza continua.

Non basta zoppicare per ottenere l’indennità di accompagnamento dall’Inps.

Il chiarimento arriva da una recente sentenza [1] della Cassazione che ammonisce: l’indennità in questione spetta solo ai mutilati ed invalidi civili totalmente inabili, che si trovino nell’impossibilità di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore o che, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, abbiano necessità di una assistenza continua (in quest’ultima accezione rientrano anche le patologie di carattere psichico purché totalmente invalidanti: leggi a riguardo “Indennità di accompagnamento: non solo per invalidità fisica ma anche psichica”).

Come più volte chiarito dalla giurisprudenza, per ottenere il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento è necessario che sussistano due requisiti:

1) l’invalidità totale da parte del richiedente. Si deve cioè trattare – precisa la Suprema Corte [2] di una invalidità totale rilevante per la pensione di inabilità;

2) l’impossibilità di camminare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore o, in alternativa, la necessità di assistenza continua per compiere gli “atti quotidiani della vita”.

Pertanto, non si può concedere l’accompagnamento in caso di semplice difficoltà di deambulazione o nel caso in cui compimento degli atti della vita quotidiana è possibile sebbene con grossa difficoltà (ma senza impossibilità).

Insomma, non basta un bastone o, magari, una sedia a rotelle solo all’occasione.

note

[1] Cass. ord. n. 5555/15 del 19.03.2015.

[2] Cass. sent. nn. 22878/2008; 3597/1998; 4555/1995.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI