Niente più figli “naturali”: cambia il regolamento di stato civile

23 Marzo 2015 | Autore:
Niente più figli “naturali”: cambia  il regolamento di stato civile

Non ci saranno più per la legge i ” figli naturali” ma solo “figli nati fuori dal matrimonio”: modificato il DPR in materia di riconoscimento della prole.

 

Finalmente a tutti i figli è riconosciuto ad ogni effetto di legge lo stesso status giuridico.

È stato, infatti, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del Presidente della Repubblica [1] che ha dato attuazione alle norme in tema di parificazione tra figli nati dentro e fuori il matrimonio [2].

 

Nello specifico, il regolamento in questione modifica il DPR in materia di revisione e semplificazione dell’ordinamento di stato civile [3], andando a sostituire la parola “ figli naturali” con l’espressione “nati fuori dal matrimonio”.

Tutti i figli avranno perciò d’ora in poi lo stesso stato giuridico a tutti gli effetti di legge, venendo completamente eliminata la vecchia distinzione tra figli “legittimi” e “naturali”.

Se dunque, già nel 2013, era già stata sostanzialmente parificata la figura dei figli nati dentro o fuori il matrimonio [4] in ottemperanza a quanto stabilito dalla legge che riconosce loro il medesimo status giuridico [2], l’estensione del principio dell’unicità e uguaglianza dello stato giuridico di figlio anche nel regolamento di stato civile ha eliminato qualsiasi ostacolo normativo ad una effettiva e completa equiparazione tra i figli.

Il suddetto decreto entrerà in vigore il prossimo 31 marzo.


note

[1] Gazzetta Ufficiale serie generale n. 62 del 16 marzo 2015, DPR 30 gennaio 2015, n. 26 recante attuazione dell’art. 5, comma, 1, l. n. 219/2012.

[2] L. 219/12.

[3] DPR n. 396/2000 recante “Regolamento per la revisione e la semplificazione dell’ordinamento di stato civile”.

[4] D.lgs n. 154/2013.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube