Diritto e Fisco | Articoli

Nuovo concorso Guardia di Finanza 2015: 236 allievi marescialli

24 marzo 2015 | Autore:


> Lavoro e Concorsi Pubblicato il 24 marzo 2015



Scade il 7 aprile 2015 la possibilità di presentare la domanda per la partecipazione al nuovo bando di concorso della G.d.F. Vediamo insieme la procedura per candidarsi ed il dettaglio delle verifiche da affrontare.

Il Fisco arruola nuove forze per scovare gli evasori. Non pago di aver avviato il reclutamento di 892 funzionari amministrativo-tributari nell’Agenzia delle Entrate, ora ha appena iniziato un nuovo procedimento pubblico per l’arruolamento di marescialli nella Guardia di Finanza. È stato, infatti, recentemente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il bando per la partecipazione al concorso per l’arruolamento di 236 Allievi Marescialli: la procedura è finalizzata all’ammissione all’87° corso presso la Scuola Ispettori e Sovrintendenti della G.d.F., per l’anno accademico 2015-2016.

In tutto, sono previsti 236 posti, 216 per allievi marescialli del contingente ordinario, e 20 per allievi marescialli del contingente di mare (10 per la specializzazione “nocchiere abilitato al comando”, e altri 10 per la specializzazione “tecnico di macchine”).

Lo svolgimento del concorso è abbastanza articolato, difatti comprende diverse prove:

– una verifica preliminare, che consiste in questionari a risposta multipla (test attitudinali);

– una prova scritta di composizione italiana;

– l’accertamento dell’idoneità attitudinale;

– l’accertamento dell’idoneità psico-fisica;

– una prova orale di cultura generale;

– un esame facoltativo in una o più lingue straniere, consistente in una verifica scritta ed una orale, per ciascuna lingua prescelta;

– una prova facoltativa di informatica.

Oltre agli appartenenti ai ruoli sovrintendenti , appuntati e finanzieri, agli allievi finanzieri ed agli ufficiali di complemento del Corpo della Guardia di Finanza, potranno partecipare tutti i cittadini italiani maggiorenni, in possesso del godimento dei diritti civili e politici, in possesso di diploma d’istruzione secondaria di secondo grado (o che lo conseguiranno nell’anno scolastico 2014-2015), non destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione, non obiettori di coscienza [2]; inoltre, i candidati non devono essere imputati o condannati per delitti non colposi, né sottoposti a misura di prevenzione, e non devono trovarsi, in generale, in situazioni incompatibili con l’acquisizione dello stato di ispettore della G.d.F. Infine, gli aspiranti allievi devono possedere le qualità morali e di condotta stabilite per l’ammissione ai concorsi della magistratura ordinaria, non devono essere, precedentemente, stati rinviati dal corso allievi marescialli, o da corsi equivalenti della G.d.F.

La domanda di partecipazione al concorso deve essere inviata tramite internet: sarà infatti necessario compilare l’apposito form presente nell’area “Concorsi Online”, del sito della Guardia di Finanza seguendo le istruzioni del sistema automatizzato.

Le istanze saranno poi stampate a cura dell’Ente, e sottoscritte dai candidati alla presentazione per l’effettuazione della prova preliminare. Dovranno invece stamparle i soggetti già militari del Corpo, ai quali è riservato un determinato numero di posti.

In caso di guasti al sistema informatico, sarà comunque possibile compilare la domanda in formato cartaceo, utilizzando il modello presente sul sito della G.d.F., e consegnarlo spedito, a mezzo di raccomandata, al Centro di Reclutamento della Guardia di finanza, che ha sede al Lido di Ostia (Roma).

Per quanto concerne la prova orale, sono stati resi disponibili, online, gli argomenti che verranno trattati: le materie da affrontare saranno storia (la storia d’Italia, dal 1848 sino alla guerra nell’ex Jugoslavia), Educazione civica (la Costituzione, l’Unione Europea, gli altri organismi internazionali), Geografia (l’Italia e l’Europa), Matematica (Aritmetica, Algebra e Geometria). Sono stati resi noti anche i possibili titoli delle tesi che saranno assegnate.

note

[1] G.U. del 06/03/15.

[2] Art. 636,Co. 3, D.lgs. 66/2010.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI