HOME Articoli

Lo sai che? Equitalia e la relata di notifica: per la Cassazione non è obbligatoria

Lo sai che? Pubblicato il 24 marzo 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 24 marzo 2015

Cartella di pagamento notificata a mezzo posta: in questo caso il postino non deve compilare la relazione.

È valida una cartella di pagamento se manca la relata di notifica? Dipende.

Se Equitalia sceglie la notifica “a mani”, ossia affidando direttamente la consegna al messo notificatore, quest’ultimo è obbligato a certificare la propria attività mediante la cosiddetta relata (o anche chiamata “relazione di notifica”), da lui stesso datata e sottoscritta. La relata va apposta in calce all’originale e alla copia dell’atto consegnata al destinatario. Nel caso di discordanza tra quanto riportato sull’una e sull’altra, fa fede la copia rilasciata al contribuente.

In tal caso, la relata deve indicare a chi è consegnata la copia (destinatario, domiciliatario o persona diversa in caso di sua assenza) e le sue qualità (coniuge, figlio, altro convivente, addetto alla casa, portiere, ecc.), il luogo della consegna oppure le ricerche effettuate, anche anagrafiche, per reperire il destinatario; infine i motivi della eventuale mancata consegna.

L’omessa sottoscrizione rende la notifica inesistente e non sanabile [1].

Viceversa, se Equitalia opta per la notifica a mezzo posta, ossia valendosi del personale di Poste Italiane, il postino non sarà più tenuto a redigere alcuna relata di notifica. Ed allora sbaglia il contribuente a pretendere che l’Agente per la Riscossione gli mostri le relate di notifica se la consegna è avvenuta tramite posta.

Questa è l’interpretazione della Cassazione, ribadita anche stamattina [2].

In buona sostanza, secondo l’orientamento della Suprema Corte, Equitalia può notificare la cartella con raccomandata a.r., ma senza che il postino debba redigere anche la relata di notifica. L’unico adempimento sarà la sottoscrizione della ricevuta di ritorno e del registro di consegna.

Ciò è confermato dal fatto che l’Agente della riscossione è tenuto a conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell’avvenuta notifica o l’avviso di accertamento, onde esibirla, su richiesta, al contribuente.

Equitalia può notificare la cartella con raccomandata senza relata di notifica, essendo sufficiente, infatti, la ricevuta di ritorno. Ciò perché l’esattore è tenuto a conservare la matrice o la copia degli atti per cinque anni.

note

[1] Cass. sent. n. 2442/2008.

[2] Cass. sent. n. 5898 del 24.03.2015. Cfr. anche Cass. sent. n. 15317/2014; n. 6395/2014; n. 1091/2013; n. 15948/2010.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI