Diritto e Fisco | Articoli

Ascensore: obbligatorio il certificato del tecnico

24 marzo 2015


Ascensore: obbligatorio il certificato del tecnico

> Diritto e Fisco Pubblicato il 24 marzo 2015



Necessario il libretto dell’impianto e la manutenzione periodica da affidare a ditta specializzata con abilitazione.

Un tempo l’eccezione, oggi è diventata la regola: quasi tutti i condomini posseggono almeno un ascensore. Così come i condomini sono tenuti a contribuire alle relative spese sulla base dei rispettivi millesimi. Ecco perché è bene conoscere la normativa di riferimento in merito alla tenuta dell’impianto e alla sua sicurezza. Da eventuali danni a terzi, infatti, potrebbero discendere conseguenze economiche per tutti i proprietari.
Il condominio è tenuto ad affidare la manutenzione di tutto l’impianto dell’ascensore a una ditta specializzata che sia, peraltro, munita di abilitazione per come prevista dalla legge [1].

È inoltre prevista una verifica periodica dell’impianto, che deve eseguire il tecnico manutentore. Il tecnico o il delegato di questi, che si presenta personalmente a eseguire la relativa verifica/manutenzione, deve essere dotato del “patentino/certificato” che gli consenta di svolgere l’attività di manutentore. Tale patentino va esibito a chiunque, all’interno del condominio, glielo chieda: sia esso il portiere dello stabile, l’amministratore del condominio o anche qualsiasi altro condomino. Ciò perché, se la manutenzione venisse affidata a personale non abilitato e, successivamente, dall’utilizzo dell’impianto ascensoristico dovesse derivare un danno a terzi, il relativo risarcimento potrebbe essere chiesto, in base alle rispettive responsabilità, all’amministratore e/o a tutti i condomini (questi ultimi tenuti a pagare secondo i propri millesimi).

Un Dpr del 1999 [2], che disciplina la materia, prevede per l’ascensore l’obbligo della compilazione e tenuta del “libretto dell’impianto“. In esso sono, tra l’altro, riportate le principali caratteristiche dell’impianto medesimo.

Inoltre, esso deve contenere:

1) copia della dichiarazione di conformità;

2) copia della comunicazione del proprietario all’ufficio comunale competente, relativa alla messa in esercizio;

3) copia della comunicazione dell’ufficio comunale competente, inerente al numero di matricola assegnato all’impianto;

4) i verbali delle verifiche periodiche e di manutenzione.

Il proprietario dell’impianto o il suo legale rappresentante devono assicurare la disponibilità del libretto ai soggetti incaricati delle verifiche previste dalla normativa.

note

[1] In base al Dpr 24 dicembre 1951, n. 1767 (normativa recepita anche dal Dpr 30 aprile 1999, n. 162).

[2] Dpr 162/1999 e successive modifiche

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Buonasera, vorrei sapere se un condominio può far decadere il contratto di manutenzione se il tecnico che fa manutenzione nello stabile risultasse senza il patentino.
    Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI