Diritto e Fisco | Articoli

Come rinunciare alla proprietà di immobili costosi senza pagare le spese

25 marzo 2015


Come rinunciare alla proprietà di immobili costosi senza pagare le spese

> Diritto e Fisco Pubblicato il 25 marzo 2015



Tasse sulla casa o sui terreni, responsabilità e ristrutturazioni: a volte le proprietà sono più un peso che un vantaggio; è possibile disfarsi dei beni, ereditati e non.

Il mattone è in crisi. E questo perché mantenere un immobile è diventato estremamente caro: tra tasse sulla casa e sui terreni, imposte locali (vedi smaltimento rifiuti), utenze, condominio, ristrutturazioni, ecc. il rischio di spendere più dell’utile prodotto dal bene è alto. Se poi si aggiungono anche i problemi che potrebbero derivare da una eventuale responsabilità civile (si pensi al crollo di un cornicione o una scala pericolante) allora si rischia di perdere anche ciò che si ha.

È il caso, ad esempio, di chi erediti una quota in comproprietà (o l’intero bene) di un terreno sperduto o di un casolare abbandonato in una zona periferica: l’impossibilità concreta di sfruttare il bene rende lo stesso un vero e proprio peso.

Così, spesso, il proprietario è tentato di disfarsene. Ma si può “abbandonare” un immobile senza che nessuno lo voglia acquistare? Certamente. Vediamo come.

Si può rinunciare alla proprietà

Il proprietario di un bene può rinunciare al proprio diritto di proprietà o alla quota di comproprietà in modo assai semplice.

Se la proprietà è esclusiva, il titolare può rinunciare al proprio il diritto di proprietà e, in tal caso, il bene passa automaticamente nella titolarità dello Stato.

Nel caso, invece, di comproprietà, la rinuncia da parte di uno dei titolari comporta una automatica espansione delle quote degli altri comproprietari. E ciò perché, quando si parla di comproprietà, si deve ragionare in termini di quote astratte sull’intero bene e non su parti identificate dello stesso. Così, per esempio, il comproprietario al 33% non avrà una delle tre camere da letto, uno dei tre bagni, ecc. ma avrà il 33% di ogni singola stanza.

Pertanto, quando uno dei proprietari dichiari di rinunciare alla propria fetta di proprietà, le quote degli altri si accresceranno proporzionalmente e automaticamente, senza che questi ultimi lo possano evitare. Vien da sé che se un immobile è al 50% tra due soggetti, l’eventuale rinuncia dell’uno porterà l’altro ad essere proprietario dell’intero. Né potrebbe impedirlo: tutto ciò che quest’ultimo potrà fare è rinunciare anch’egli alla sua proprietà e, in tal caso, il bene diventa di proprietà dello Stato.

La rinuncia alla comproprietà: come liberarsi delle spese

La rinuncia alla quota di comproprietà può essere effettuata in due diversi modi:

– con la cosiddetta rinuncia “abdicativa”, che, semplicemente, provoca – come appena detto – la perdita del diritto in capo al rinunciante e l’espansione automatica della quota in capo agli altri comproprietari “superstiti”. In tal caso, il rinunciante non è più tenuto a contribuire alle spese sostenute dopo la sua rinuncia, ma rimane obbligato per quelle obbligazioni sorte prima di tale momento;

– con la cosiddetta rinuncia “liberatoria”, che invece produce un particolare effetto [1]: la liberazione del comproprietario rinunciante dalle spese derivanti dalla contitolarità del bene comune (vedi, ad esempio, le spese di manutenzione), sia per le spese future che per quelle prodotte in passato, anche prima della sua rinuncia. In questo caso, dunque, il comproprietario, rinunziando alla propria quota, non solo dismette il diritto di cui è titolare, ma anche si libera da tutte le obbligazioni inerenti la cosa comune, non solo (come è ovvio) per il futuro, ma anche per quelle già sorte in passato.

note

[1] Art. 1104 cod. civ.

Autore immagine 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

10 Commenti

  1. Se un’eredità comprende sia un immobile che conti correnti, posso usare la rinuncia alla proprietà perché nella mia quota non ci sia l’immobile ma solo denaro liquido?

  2. Quanto costa la “Rinuncia abdicativa” di alcuni frustoli di terra? Ci sono solo le spese notarili (ad es.: trascrizione e registrazione al Catasto) o c’è anche un costo a metro quadro? Si può ipotizzare un costo almeno approssimativo? Grazie.

  3. mi sono rivolta ormai a 4 notai, i quali mi dicono che esiste come normativa ma, che non è stata mai applicata.
    Comunque loro non sanno come si esegua.
    Sarebbe bello avere un elenco dei notai che hanno gia provveduto ad eseguirla o che siano disposti a cimentarsi in questa scelta che la legge garantisce ma la prassi no.
    sarei grata se mi forniste sei nominativi.
    grazie

    1. salve sig.ra Contini,
      è riuscita ad avere nominativi notai che potrebbero eseguire la rinuncia?
      sono interessata anche io..
      grazie,

    2. Ho gli stessi problemi della Sig.ra Contini, anche a Mazara del Vallo non ci sono Notai disposti a ricevere un atto di rinuncia.
      Vi sarei grato se mi potresti indicare un Notaio disposto a formalizzare l’atto di rinuncia possibilmente in provincia di Trapani.

  4. prospettiva interessante ma non si specificano le spese da sostenere o chi deve sostenerle.-Interpellato il notaio risponde che è una pratica poco conosciuta e rischiosa..????
    Qual’é la verità ???

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI